Anche in Sicilia alle elezioni politiche c’è Potere Al Popolo, la vera lista alternativa al PD
In Evidenza, Politica, Primo Piano

Anche in Sicilia alle elezioni politiche c’è Potere Al Popolo, la vera lista alternativa al PD


Time Sicilia

Chi è di sinistra è vuole votare una formazione politica di sinistra alternativa al PD non può che votare questa lista. Purtroppo in Sicilia tale esperienza parte dopo l’errata adesione di tanti elettori dell’Isola alla lista ‘Cento Passi’ di Claudio Fava e Ottavio Navarra, che non è affatto alternativa al PD ma, al massimo, alternativa a Renzi  

Li stanno sottovalutando. Ed è anche logico: l’idea che possa prendere piede una sinistra realmente alternativa al PD non piace ai tanti mistificatori della politica. Perché, in Italia, Paese ormai alla deriva, la sinistra, quindi i diritti dei lavoratori e, perché no? il messaggio marxista devono sparire per fare posto alla globalizzazione! Così la lista Potere Al Popolo dove restare nell’ombra, confinata all’1% che i ‘sondaggi’ gli hanno già assegnato.

Sarà così? Dalla Sicilia, in realtà, c’è da aspettarsi poco, a causa dei danni provocati non tanto dall’accoppiata Claudio Fava-Ottavio Navarra, ma da chi è andato dietro a questi due signori che la sapevano lunga fin dall’inizio della campagna elettorale per le elezioni regionali siciliane.

In realtà, la lista di sinistra alternativa al PD siciliano, nella scorsa primavera, era partita bene. Poi è arrivato Ottavio Navarra: e questo è stato il primo errore. In quanto ex Pci, i tanti militanti e simpatizzanti di una sinistra slegata dai fallimenti della sinistra ‘officiale’ siciliana avrebbero dovuto porre molta attenzione a questo signore.

Invece così non è stato. Si sono fidati. E che ha combinato Ottavio Navarra? Quando si è trattato di scegliere il candidato alla presidenza della Regione ha imposto, complice l’ingenuità di tante persone per bene, la figura di Claudio Fava, che era già d’accordo con Massimo D’Alema.

Così, quella che averebbe dovuto essere un’alternativa al PD – il riferimento è alla lista ‘Cento Passi’ con la candidatura di Claudio Fava alla presidenza della Regione – si è trasformata in una lista del “PD 2: la vendetta”, con l’obiettivo di disarcionare Renzi dalla segreteria del Partito Democratico per riprendersi il partito!

Obiettivo nobilissimo, per carità: ma che centra questo con una sinistra alternativa al PD siciliano?

Ora si ricomincia sotto l’egida di Potere Al Popolo. Con una credibilità ‘macchiata’ dalla disastrosa esperienza della lista Cento Passi (dal PD…).

“Attivisti, insegnanti, studenti, sindacalisti: questi sono i candidati della lista Potere Al Popolo che si presenterà alle elezioni politiche del 4 marzo – si legge in un comunicato – proponendosi come soggetto di sinistra plurale al quale aderiscono, oltre ai partiti organizzati, collettivi e singoli da sempre impegnati nell’associazionismo e nelle lotte sociali e per il lavoro”.

I candidati sono stati presentati nel corso di una conferenza stampa durante la quale è stata anche annunciata la campagna di raccolta firme necessarie per la partecipazione alla competizione elettorale. Raccolta delle firme che ha preso il via venerdì scorso, 19 gennaio, al Garibaldi Books e Records Piazza Cattolica 1, a Palermo, dove sarà possibile confrontarsi coi candidati, ma soprattutto poter firmare per la Lista Potere Al Popolo.

La lista, che è stata votata dall’assemblea del 12 gennaio, vede nei due collegi
plurinominali per il proporzionale i capilista Francesca Tumminello, lavoratrice di call center e delegata CGIL, e Frank Ferlisi, dirigente di Rifondazione Comunista.

Nei collegi uninominali per la Camera dei deputati la scelta dell’assemblea è ricaduta invece su Maruzza Battaglia, presidente di LabZen2, Pietro Milazzo, attivista delle lotte sociali, Mario Minarda, insegnante e nel gruppo dirigente di PRC.

La lista del Senato invece vede nei collegi uninominali Davide Ficarra, attivista sociale e proprietario del Bar Garibaldi, Maria La Bianca, insegnante cresciuta nel volontariato cristiano che ha operato nel quartiere di Ballarò e Giovanni Maniscalco del partito del Sud e dirigente della CGIL.

Farà parte della lista plurinominale per il proporzionale al Senato Nilde Russo, attivista della zona madonita.

Nel corso della conferenza stampa è stata anche lanciata la campagna nazionale “TORNATE PER VOTARE, VOTATE PER RESTARE”.

“Rilanciamo così, ampliandola – leggiamo sempre nel comunicato – un’iniziativa che venne organizzata un decennio fa: studenti e lavoratori che vivevano al Nord si organizzarono per venire in massa a votare con un treno speciale. Oggi Potere al Popolo vuole riprovarci pensando a un treno speciale che parta dal Nord ed arrivi fino in Sicilia. Riteniamo possa essere una possibilità da riprendere oggi che l’emigrazione è diventata una tragedia collettiva”.

“Un viaggio a tappe – leggiamo ancora nel comunicato – da trasformare in una iniziativa che avvicini alla politica da protagonisti chi nel Sud ha radici e residenza ma per necessità è dovuto emigrare, una speranza di poter cambiare col voto lo stato delle cose. Potere Al Popolo crede nella possibilità di usare la presenza in Parlamento come strumento utile a cambiare il Paese, ma siamo convinti che non solo non sia l’unico strumento, ma soprattutto non sia il principale. Per questo motivo l’avventura Politica di Potere Al Popolo non si fermerà neanche se, non raggiungendo il 3%, non entreremo in Parlamento”.

“Il cambiamento si fa con l’azione quotidiana di mutualismo – si legge nel comunicato – con le lotte per i diritti e per il lavoro. Uno degli strumenti importanti per il cambiamento è il conflitto che eserciteremo nelle forme che abbiamo sempre utilizzato, anche dopo le elezioni. Diamo pertanto un appuntamento certo e già fissato, l’Assemblea Territoriale di Potere Al Popolo Palermo per giorno 7 marzo, dove discuteremo i percorsi da attuare a prescindere dall’esito del voto”.

Che dire? Auguri a questa lista. Con la speranza di non incontrare ancora i compagni di strada sbagliati!

23 gennaio 2018

Autore

TimeSicilia


Rispondi

Seguici su Twitter
Chi Siamo

Giornale online diretto
da Giulio Ambrosetti

vice direttore
Antonella Sferrazza

timesicilia@gmail.com

Powered by GianBo