Attentato a Barcellona: si parla di almeno 13 vittime
Esteri

Attentato a Barcellona: si parla di almeno 13 vittime


Time Sicilia

La dinamica è ormai drammaticamente nota, la stessa che abbiamo visto a Nizza: un furgone si è lanciato contro la folla sulla Rambla a Barcellona, una delle vie più frequentate dai turisti che affollano la capitale catalana. Erano circa le 17. Il bilancio delle vittime è provvisorio, fonti locali parlano di almeno 13 vittime.
L’autista a bordo del furgone ha iniziato la sua corsa omicida a Plaza de Catalunya fino alla piazza del mercato della Boqueria, a quasi 600 metri di distanza, procedendo ad altissima velocità e a zig zag col chiaro intento di investire più persone.

L’autore dell’attentato ha arrestato la sua corsa schiantandosi contro un chiosco e sarebbe fuggito a piedi. Sarebbe armato e asserragliato con alcuni ostaggi in un ristorante turco della zona.

Le autorità catalane confermano che si tratta di un atto terroristico. Il governo catalano ha ordinato la chiusura della stazioni di metro della Plaza Catalunya. La polizia ha invitato i negozianti a chiudere i loro locali quale misura di precauzione. Sono circa 600 le persone bloccate in alcuni ristoranti nella zona di Barcellona.

“Io ero in un negozio, le altre 4 persone che erano con me si sono trovate dietro il furgone che andava addosso alla gente nella zona pedonale. La folla correva”. Lo racconta all’ANSA Chiara, una ragazza italiana testimone di quanto è accaduto a Barcellona, e che ha trovato rifugio in un negozio della Rambla. “Adesso non ci fanno uscire, sentiamo che fuori c’è la polizia, ma da qui non vediamo niente. Ci stanno portando al piano inferiore del negozio”.

17 agosto 2017

Autore

TimeSicilia


Rispondi

Seguici su Twitter
Chi Siamo

Giornale online diretto
da Giulio Ambrosetti

vice direttore
Antonella Sferrazza

timesicilia@gmail.com

Powered by GianBo