I candidati alla Presidenza della Regione e quei “poeti laureati” che attaccano Cancelleri…
Editoriale, Politica

I candidati alla Presidenza della Regione e quei “poeti laureati” che attaccano Cancelleri…


Antonella Sferrazza

Una delle più belle liriche di Eugenio Montale si intitola ” I limoni” ed è dedicata ai “poeti laureati”. Chi sono costoro? Sono i poeti onorati pubblicamente, tradizionalmente premiati da un sovrano o da un governo con l’alloro poetico e investiti del compito di comporre poemi in occasione di eventi ufficiali oppure opere celebrative di personaggi di governo. Montale distingue il vero poeta da quello che intende solo abbellire la realtà. Su commissione.

Una analisi che ci riporta dritto dritto agli scrittori “salariati” di Antonio Gramsci, a quella classe di pseudo intellettuali organici al potere pagati per rendere la realtà a loro comoda come l’unica possibile.

Che c’entrano Montale e Gramsci con le elezioni regionali siciliane? 

I personaggi da loro descritti sono in piena attività in questa fase della vita politica siciliana. Poeti laureati e scrittori salariati si stanno dando un gran da fare per celebrare i potenti di lunga data e per denigrare tutto ciò che è nuovo.

Nuovo è necessariamente sinonimo di buono? Certamente no. Ma ai nostri poeti laureati non interessa investigare il nuovo: loro devono solo denigrarlo.  Con argomentazioni che rivelano uno snobismo becero oltre che provinciale e che conferma come in Italia la cultura non coincida quasi mai con l’istruzione.

Un esempio lampante della loro attività si coglie nella campagna di denigrazione messa in atto nei confronti di Giancarlo Cancelleri, candidato alla Presidenza con il M5S. Il quale, non potendo essere accusato di latrocini, tangenti e collusione con la più grigia classe politica e borghese che ha rovinato la Sicilia, viene messo alla gogna perché non è laureato.

 Un’accusa ridicola perché a muoverla sono, soprattutto, i poeti laureati di cui sopra. Che elogiano tutto il vecchiume della politica nel nome di lauree e di competenze che, dove applicate, hanno solo fatto danno. Nel nome di una presentabilità che è tale solo ai loro occhi e che stride con comportamenti che sanno di opportunismo e di strumentalizzazioni di cariche pubbliche. 

Ma tant’è. I nostri poeti laureati dimenticano di dire che i maggiori responsabili del disastro in cui versa la Sicilia sono  tutti laureati. Medici e avvocati, soprattutto. Presidenti della Regione e assessori. Tutti laureati. E la laurea gli è servita solo per nobilitare con una dialettica forbita tutto il danno che hanno provocato alla Sicilia.

Così come sono laureati tutti quelli che oggi stanno tentando di riacciuffare una poltrona da dove gestire affari e clientele. Così come laureato è uno dei candidati che ha accettato di candidarsi per uno dei partiti maggiormente responsabili del disastro della Sicilia tenendosi stretto la poltrona attuale. Un gentlman!

E, allora, Giancarlo Cancelleri sarebbe un buon Presidente della Regione? Noi non lo sappiamo. Sappiamo però che una persona non si giudica dal suo titolo di studio. Che, soprattutto in Sicilia, il livello di istruzione quasi mai coincide con la maturità culturale e con l’onestà intellettuale. E questo vale in particolar modo per i politici. Prova ne è il fatto che, come detto, i peggiori governanti della Sicilia  hanno potuto sfoggiare  lauree e specializzazioni.

L ‘elemento discriminante non può certo essere la laurea. Meglio una licenza elementare – non è il suo caso- e un interesse vero per il servizio al territorio e nell’interesse esclusivo dei siciliani che una laurea e una concezione della politica basata sul clientelismo e sul servilismo.

Ma questo i nostri poeti laureati, i nostri intellettuali salariati non lo possono dire. Perché se cambiasse davvero aria in Sicilia si ritroverebbero senza onorificenze, senza patenti e senza salario.

 

 

8 settembre 2017

Autore

AntonellaSferrazza


2 COMMENTS ON THIS POST To “I candidati alla Presidenza della Regione e quei “poeti laureati” che attaccano Cancelleri…”

  1. Giuseppe ha detto:

    Beh dimentica di dire che il presidente della regione Crocetta è un perito chimico!

  2. Giuseppe Satriano ha detto:

    Finalmente una giornalista che sa fare il suo mestiere ! Brava.

Rispondi

Seguici su Twitter
Chi Siamo

Giornale online diretto
da Giulio Ambrosetti

vice direttore
Antonella Sferrazza

timesicilia@gmail.com

Powered by GianBo