Catania, arriva Renzi: salta la partita di calcio. E, intanto, si prepara l’accoglienza…

Malumore dei tifosi, mentre si preparano diverse manifestazioni di protesta per l’arrivo del Premier alla Festa dell’Unità

I tifosi non l’hanno presa molto bene. E, va da sé, nemmeno l’amministratore delegato della squadra, Pietro Lo Monaco. Il Catania, domenica, non potrà giocare la partita contro il Fondi. Tutte le forze dell’ordine, come apprendiamo leggendo il Fatto quotidiano, sono mobilitate per l’arrivo del Premier, Matteo Renzi, alla festa dell’Unità. Partita rinviata al 28 settembre.

“Giocheremo 5 partite in 15 giorni, per noi è un danno” dice Lo Monaco.

Ma tant’è. I numeri delle forze dell’ordine sono quelli che sono e in ogni città in cui il premier arriva le proteste sono imponenti.

Anche all’ombra dell’Etna si annunciano manifestazioni, nonostante il pugno duro mostrato dagli stessi organizzatori che hanno lasciato fuori da Villa Bellini, molti ospiti non graditi e nonostante la schedatura di alcuni contestatori:  dai No Muos, che hanno già dato ‘il benvenuto’ alla ministra della Difesa, Roberta Pinotti, agli insegnanti che hanno già reso ‘partecipato’ l’intervento di Davide Faraone,  la sinistra, i precari, i disoccupati, gli studenti che anche da Palermo stanno organizzando i ‘pullman anti Renzi’ per esprimere il loro disappunto contro la riforma della scuola, il Job’s act, le trivelle, il Muos e tutti gli altri ‘regali’ del Governo alla Sicilia.

Insomma, dalle nostre parti Renzi e il suo governo sono molto amati.

Ci mancava solo lo ‘sgarbo’ ai tifosi, e la frittata è fatta.

L’offensiva del PD contro la Sicilia: tagli dell’80% per i Comuni (oltre alle rapine…)

2 thoughts on “Catania, arriva Renzi: salta la partita di calcio. E, intanto, si prepara l’accoglienza…

Rispondi