Dal Giappone arriva un nuovo super eroe: si chiama Ikumen ed è il papà del futuro…
Esteri

Dal Giappone arriva un nuovo super eroe: si chiama Ikumen ed è il papà del futuro…


Time Sicilia

C’è un nuovo super eroe che domina le pagine dei giornali giapponesi: è sorridente, attraente e, soprattutto, è felice di prendersi cura dei suoi bambini. Lo chiamano ‘Ikumen’, una combinazione tra le parole ikuji (puericultura) e l’inglese men (uomo), a sottolineare il contrasto con il vecchio stereotipo giapponese di un padre lontano dai bambini e allergico alle mansioni tradizionalmente assegnate alle mamme.
Non si tratta di una nuova serie manga, ma di un preciso progetto sponsorizzato dal governo giapponese che mira ad incoraggiare un maggiore coinvolgimento della figura paterna nella cura dei figli.  Un modo per superare la tradizionale distanza tra padre e figli nella cultura giapponese, ma anche per promuovere la parità di genere: uomo e donna insieme nella gestione della famiglia, alla pari.

Il progetto include seminari, eventi ludici che vedono la partecipazione di padri e figli, campagne di sensibilizzazione e tanto altro. The ‘Ikumen project’ ha dato il via anche ad una nuova ondata di serie televisive e talk-show sul tema.  I giornali sono inondati dai manifesti che raffigurano i papà insieme ai bimbi con modelli famosi che si prestano alla promozione del ruolo.

Sicuramente un passo in avanti nel difficile percorso del gender equality in Giappone. Che, come molti altri Paesi, in tema di figli, ha ancora tanta strada da fare: in media, un padre giapponese, trascorre con i figli non più di 40 minuti al giorno. E, tradizionalmente, l’approccio è più basato sulla severità che sul reale contatto.

Un approccio che ha avuto serie ripercussioni sulla vita delle donne, impossibilitate, ad esempio, a portare avanti una carriera in un Paese in cui i figli sono solo una questione che riguarda le mamme. Di conseguenza le donne giapponesi si sposano meno e sono meno propense alla maternità.  Non solo. Negli anni ’80 in Giappone si è registrato un tasso di suicidi infantili preoccupanti che, gli esperti, legano in qualche modo all’assenza della figura paterna.

D’altro canto, per un uomo giapponese non è mai stato facile chiedere al proprio datore di lavoro più tempo libero da dedicare a figli.  Il progetto del governo intende quindi ribaltare stereotipi offrendo concrete misure di supporto per innescare quel cambiamento culturale che farà bene a tutti: papà, mamme e figli.

29 novembre 2018

Autore

TimeSicilia


Rispondi

Seguici su Twitter
Chi Siamo

Giornale online diretto
da Giulio Ambrosetti

vice direttore
Antonella Sferrazza

timesicilia@gmail.com

Powered by GianBo