Dimmi che forma ha il tuo cervello e ti dirò chi sei
Rubriche, Scienza, Medicina, Tecnologia

Dimmi che forma ha il tuo cervello e ti dirò chi sei


Aldo Gagliano

Studiare la ‘forma’ del nostro cervello può fornirci sorprendenti indizi sulla nostra personalità e sul rischio di sviluppare disturbi mentali. La scoperta è stata pubblicata su Social Cognitive and Affective Neuroscience.

In uno studio pubblicato sulla rivista scientifica ‘Social Cognitive and Affective Neuroscience’, un team internazionale di ricercatori provenienti da Italia, Regno Unito e Usa (Luca Passamonti – Università di Cambridge e Istituto di bioimmagini e fisiologia molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche Ibfm-Cnr; Nicola Toschi – Università Tor Vergata di Roma; Roberta Riccelli – Università Magna Græcia di Catanzaro; Antonio Terracciano – Università della Florida) ha analizzato più di 500 risonanze magnetiche cerebrali ottenute nell’ambito di  ‘Human Connectome Project’, un’iniziativa statunitense di grandi dimensioni che ha l’obiettivo di mappare il funzionamento e la struttura del cervello umano. Nello specifico, i ricercatori hanno studiato le differenze anatomiche della corteccia cerebrale in più di 500 individui sani attraverso l’uso di tre indici: lo spessore, l’area ed il grado di girificazione o ‘ripiegamento’ corticale (in altre parole da quante ‘fessure’ e ‘rigonfiamenti’ è caratterizzata la superficie cerebrale). Il principale scopo dello studio era valutare come ognuna di queste misure, che caratterizzano la struttura delle diverse aree cerebrali, fosse collegata ai cinque principali tratti di personalità.

Secondo gli psicologi, infatti, la grande varietà dei comportamenti umani e del modo in cui proviamo diverse emozioni può essere ricondotto a differenze individuali in cinque tratti principali: il nevroticismo (che rappresenta l’instabilità emotiva di una persona), l’estroversione (che indica quanto una persona sia energica ed entusiasta), l’apertura all’esperienza (una dimensione della personalità che rappresenta quanto una persona sia incline a sperimentare nuove esperienze), l’amichevolezza (che è indice di altruismo e capacità empatica) e la coscienziosità (un tratto di personalità legato all’auto-controllo ed al senso di responsabilità).

“L’evoluzione della specie ha reso possibile che il nostro cervello si sviluppasse in modo da massimizzare l’area e la girificazione corticale a spese di un suo ridotto spessore”, spiega Nicola Toschi, professore all’Università di Roma ‘Tor Vergata’. “È un po’ come stendere e ripiegare un materiale gommoso: se da un lato questa azione aumenta la sua area, allo stesso tempo ne rende più sottile lo spessore. Se applichiamo questa metafora al cervello umano possiamo persino parlare di ‘stiramento e ripiegamento corticale’”.

3 febbraio 2017

Autore

Aldo Gagliano


Rispondi

Seguici su Twitter
Chi Siamo

Giornale online diretto
da Giulio Ambrosetti

vice direttore
Antonella Sferrazza

timesicilia@gmail.com

Powered by GianBo