Editoriale

Palermo, una città allo sbando con il Tram che gira a vuoto e il nuovo PRG ‘congelato’ in attesa di…

Una città a perdere. Con il sindaco che si trincera dietro lo slogan della ‘Cultura’ che servo solo a nascondere l’incapacità amministrativa e le grandi magagne. Come il mercato ittico trasferito per fare spazio a un acquario già abortito. O come l’ossimoro di una ZTL che inquina. O come il nuovo Piano Regolatore Generale bloccato per consentire le solite ‘operazioni’

Economia circolare: i numeri dell’industria italiana del riciclo dei rifiuti sono in grande crescita. Ma la Sicilia arranca

A 21 anni di distanza dal Decreto ‘Ronchi’ (il D.Lgs. 22/1997 che dava attuazione a 3 Direttive comunitarie sui rifiuti, sui rifiuti pericolosi e sugli imballaggi e i loro rifiuti ispirandosi al nuovo principio “chi inquina paga”), i numeri dell’industria italiana del riciclo dei rifiuti sono impressionanti, e generalmente, poco conosciuti. Un importante successo

L’economia USA vola facendo l’esatto contrario di quello che si fa nell’Unione Europea

Se la BCE ha puntato sulla deflazione, gli USA stampano Dollari a più non posso. Così, mentre negli Stati Uniti l’immissione di moneta produce, keynesianamente, economia reale (Pil al 4,1%!, aumento dei consumi e aumento dell’occupazione), l’Europa dell’euro sembra malthussianamente condannata al tramonto. Ma è bene non far sapere nulla. Da qui la battaglia della UE per evitare che la RAI finisca ai ‘populisti’…

Grande esodo dall’Africa verso l’Europa e “l’inferno” della UE: Bettino Craxi aveva previsto tutto

Sul giornale on line ‘Scenari economici’ va un interessantissimo video che raccoglie alcuni interventi di Bettino Craxi. Sono discorsi e interviste che il leader socialista ha rilasciato negli anni ’80 del secolo passato e negli anni ’90, quando viveva da esule ad Hammamet, in Tunisia. Colpisce la capacità di questo grande uomo politico di anticipare gli eventi

Migranti: fermiamo le guerre, eliminiamo la povertà e la migrazione cesserà

Nella storia dell’uomo le migrazioni ci sono sempre state. Tra l’800 e il ‘900 un milione di europei emigrava ogni anno nelle Americhe. La lotta alla povertà ha interrotto questo grande flusso umano. Andò così anche in Albania: nel 1991, caduto il regime comunista, in migliaia arrivarono in Puglia. Oggi la grande migrazione si fermerà eliminando guerre e povertà dall’Africa

Lo sapevate che 500 mila brasiliani hanno chiesto e in buona parte ottenuto la cittadinanza italiana?

Ci si preoccupa dei migranti che arrivano con le ONG dal mare. Ma nessuno pone attenzione al fatto che 300 mila brasiliani di origine italiana hanno già ottenuto la cittadinanza nel nostro Paese. E altri 200 mia circa stanno per ottenerla. Sono i discendenti degli italiani che, tra la fine dell’800 e il 1960, emigrarono in Brasile. Figli e nipoti che, in buona parte, potrebbero tornare in Italia

Perché le sanzioni dell’Unione Europea alla Russia sono una fesseria

Per la seconda volta, senza una motivazione seria, l’Unione Europea appioppa sanzioni economiche e commerciali alla Russia dandosi la zappa sui piedi. La prima volta l’ha fatto per seguire gli Stati Uniti sul referendum della Crimea. Ora lo ha fatto seguendo l’Inghilterra. In entrambi i casi le motivazioni appaiono fragili, dando l’impressione che la UE non abbia una propria politica estera

E se fosse la Germania a non essere più interessata a restare nell’euro? Il ‘caso’ Mattarella

Il Governo grillini-leghisti è stato ‘stoppato’. Ma le tensioni nell’Eurozona non sono finite. Forse perché tali tensioni non dipendono solo dalla crisi politica italiana, ma dai movimenti anti-euro in crescita in tutta l’Europa. E magari anche dalle politiche commerciali USA. Proviamo a fare chiarezza sulla linea tenuta rispetto al mancato Ministro dell’Economia, Paolo Savona, dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella