Esteri

Risiko libico, un gioco senza regole
Esteri

Risiko libico, un gioco senza regole


Time Sicilia

“Che Libia ci attende in questo risiko geopolitico senza regole? Della missione libica a guida italiana non si è vista manco l’ombra, in Libia gli attori internazionali agiscono di testa loro perseguendo i propri interessi”

La Brexit, alla faccia degli esperti, ha rilanciato il Regno Unito. E l’Italia? Dobbiamo dire addio all’Euro
Editoriale, Esteri

La Brexit, alla faccia degli esperti, ha rilanciato il Regno Unito. E l’Italia? Dobbiamo dire addio all’Euro


Time Sicilia

La lezione che arriva dal Regno Unito dovrebbe fare scuola anche in Italia. Nei giorni precedenti il referendum i TG del nostro Paese parlavano di imminente disastro economico e finanziario inglese. Previsioni del tutto errate. Il vero disastro è l’Unione Europea dell’Euro che sta affossando l’idea di Europa Unita. La fine della moneta unica salverebbe l’Europa. E, soprattutto, salverebbe l’economia del nostro Paese

La guerra in Siria/ Il dramma di Aleppo e la disinformazione sulle “forze filo-occidentali”
Esteri

La guerra in Siria/ Il dramma di Aleppo e la disinformazione sulle “forze filo-occidentali”


Time Sicilia

Da quando la Russia è intervenuta in Siria, le sorti della guerra, che sembravano segnare la sconfitta degli Assad, è cambiata. Il regime i Assad è sicuramente una dittatura, che si protrae dagli anni Settanta del secolo passato. Ribellarsi ad una dittatura è giusto; ma non tutto ciò che fanno gli oppositori in armi è altrettanto giusto. Anzi. I ribelli possono essere, a loro volta, non innocenti. Detto questo, ci vuole una grandissima faccia tosta nel presentare i combattenti del Fronte di al-Nusra come “moderati”

La Cina perde il pelo, ma non la voglia di reprimere il Tibet
Esteri

La Cina perde il pelo, ma non la voglia di reprimere il Tibet


C. Alessandro Mauceri

Le autorità cinesi, tanto per cambiare, hanno iniziato a demolire buona parte del centro buddista di Larung Gar. Motivo: ci va troppa gente. Insomma alla Cina l’idea che 10 mila persone si occupino di studi tibetani non va proprio giù. Li vorrebbe dimezzare. Di fatto, nel silenzio generale, stanno distruggendo monasteri e accademie. Il mondo della cultura e le democrazie non hann nulla da dire?

1 8 9 10 11
Seguici su Twitter
Chi Siamo

Giornale online diretto
da Giulio Ambrosetti

vice direttore
Antonella Sferrazza

timesicilia@gmail.com

Powered by GianBo