Esteri

Protesta di duecento sindaci catalani a Bruxelles

E’ l’iniziativa organizzata dall’Associazione dei Municipi Indipendentisti (Ami). I sindaci sono arrivati con un pullman al centro del quartiere delle istituzioni europee per fermarsi nello slargo tra il Palazzo Berlaymont, sede della Commissione, e quello Justus Lipsius, sede del Consiglio europeo.

Gli USA fuori dall’Unesco e presto anche Israele potrebbe effettuare la stessa scelta

In effetti, la scelta degli Stati Uniti di restare fuori dall’Agenzia dell’ONU per la cultura è in perfetta sintonia con la storia di questo Paese. Che, da quando esiste, di tutto si è occupato, tranne che di far crescere la pace e la comprensione tra le nazioni nel mondo. A quanto pare, anche Israele potrebbe optare per questa scelta. E non ci sarebbe da stupirsi nemmeno in questo caso

Catalogna: una via slovena per l’indipendenza? Intanto, mentre qualche impresa se ne va, molte restano…

In attesa di una mediazione internazionale, il governo catalano sospende gli effetti dell’indipendenza. Il modello pare essere quello adottato dalla Slovenia nel 1991. In attesa delle mosse di Madrid, alcuni blog catalani ricordano che molti gruppi imprenditoriali internazionali non hanno alcuna intenzione di abbandonare la regione. Anzi. Alla faccia di chi pensa di diffondere il panico…

Che strano modo di intendere la democrazia quando si nega la libertà ai popoli!

Il caso della Catalogna è emblematico di un’atmosfera tutta occidentale: di quell’Occidente che, a parole, parla di libertà e di democrazia e poi, nei fatti, nega la libertà a quei popoli che la chiedono. Non c’è solo la Catalogna che chiede libertà e indipendenza: scozzesi, irlandesi, bavaresi, curdi, catalani, palestinesi, belgi delle Fiandre, musulmani Rohingya del Myammar (ex Birmania), baschi, sardi, siciliani. Mancano solo i leghisti di Salvini diventati autonomisti…