Formazione: l’USB attacca Marziano sul blocco dei criteri B4 e B5 dell’Avviso 8. La precisazioni di Gianni Silvia
In Evidenza, Politica, Primo Piano

Formazione: l’USB attacca Marziano sul blocco dei criteri B4 e B5 dell’Avviso 8. La precisazioni di Gianni Silvia


Time Sicilia

Secondo l’Unione Sindacale di Base – che parla attraverso il proprio responsabile regionale, Costantino Guzzo – togliere i criteri B4 r B5 dall’Avviso 8 significa penalizzare ancora una volta i lavoratori disoccupati della Formazione professionale siciliana, dando la possibilità a enti e società selezionate con l’Avviso 8 di assumere nuovo personale. Gianni Silvia: “E’ una decisione del CGA”

Un fatto è certo: è in atto un tentativo di prendere in giro i dipendenti della Formazione professionale della Sicilia licenziati. Come? Consentendo agli enti e alle società selezionate con l’Avviso 8 di assumere personale nuovo, lasciando a casa i già citati lavoratori licenziati. Il tutto in campagna elettorale!

Lo lascia intendere il responsabile regionale dell’Unione Sindacale di Base (USB) della Formazione professionale della Sicilia, Costantino Guzzo, che chiama in causa l’assessore regionale alla Formazione professionale, Bruno Marziano, esponente del PD.

“Vorrei ricordare all’assessore Bruno Marziano che togliere i criteri B4 e B5 in corso d’opera rappresenta per i lavoratori storici un’ulteriore perdita di garanzie , perché di fatto significa che vengono eliminati i 7 punti per il personale con dieci anni di esperienza e dieci anni di professionalità”.

Il riferimento è al bando da 136 milioni di euro (risorse finanziarie a valere sul Fondo Sociale Europeo), il già citato Avviso 8. Questo bando prevede che, per le nuove assunzioni, enti e società selezionate con questo bando debbano pescare nella lista nella quale sono iscritti i lavoratori di questo settore licenziati. La deroga a questo obbligo è prevista solo per le professionalità che non sono presenti nella già citata lista nella quale risultano iscritti i lavoratori della Formazione professionale siciliana licenziati.

Che succede, invece? Succede – denuncia Guzzo – che l’assessorato regionale alla Formazione professionale sta cambiando le regole del gioco mentre la partita è in corso.

“Quello che mi chiedo – dice il responsabile dell’USB Formazione professionale della Sicilia – come rappresentante sindacale dei lavoratori di questo comporto, come si possono cambiare le regole scritte da questa stessa amministrazione in un bando a distanza di circa un anno e, soprattutto, come mai non c’è un solo comunicato sindacale che condanna questa scelta fatta dall’assessore: scelta che, di fatto, penalizza ancora di più i lavoratori storici della Formazione siciliana. O forse, magari per rimediare alle lacune di questo Avviso 8, qualcuno pensa che si possono sacrificare migliaia e migliaia di lavoratori storici in cambio di una fantomatica partenza o di una sua vittoria di Pirro?”.

“L’USB – conclude Guzzo – su questo episodio dichiara da subito lo stato d’agitazione e chiederà un’incontro con l’assessore Marziano per chiarire una vicenda  che vede, come al solito, come anello debole i lavoratori”.

Guzzo tira in ballo l’assessore Marziano. Ma il bando – benché, supponiamo, non ignorando le indicazioni della politica – è stato scritto dagli uffici del dipartimento regionale della Formazione. Non ci resta che chiedere ‘lumi’, su tutto quello che sta succedendo, al dirigente generale del dipartimento regionale della Formazione, Gianni Silvia.

“Quello che va detto – sottolinea Gianni Silvia – è che sono i giudici del CGA a imporre all’amministrazione regionale di togliere i criteri B4 e B5. personalmente, posso affermare di essere una vittima di questa decisione assunta dal Consiglio di Giustizia Amministrativa”.

In effetti, in responsabile amministrativo dell’Avviso 8 è proprio il dottore Silvia. Che a noi ha sempre detto che questo bando tutelerà i dipendenti licenziati.

Detto questo, circola un retro-pensiero che non possiamo fare a meno di sottoporre allo stesso dirigente generale, Silvia: non è che, per caso, questo bando è stato scritto in modo tale da giustificare l’intervento dei giudici’

“Assolutamente no – ci risponde Silvia -. Non a caso i giudici del TAR Sicilia non hanno trovato nulla da dire”.

Insomma, il pronunciamento sui criteri B4 e B5 che, secondo l’Unione Sindacale di Base, finirà con il penalizzare il personale licenziato della Formazione professionale, non era atteso. E’ arrivato inaspettatamente: così lascia intendere Silvia.

Che dire? Che, a nostro avviso, questa storia non finirà così. Se è vero – come dice Costantino Guzzo – che l’eliminazione dall’Avviso 8 dei criteri B4 e B5 penalizzerà i lavoratori della Formazione già ‘massacrati’ negli ultimi cinque anni, è probabile che, nei prossimi giorni e nelle prossime settimane ne vedremo delle belle.

P.S.

Come mai, su una vicenda così strana, non ci sono dichiarazioni dei rappresentanti delle altre sigle sindacali? Che fine hanno fatto gli esponenti della CGIL, della CISL, della UIL, dell’UGL e via continuando?  

 

 

 

20 agosto 2017

Autore

TimeSicilia


ONE COMMENT ON THIS POST To “Formazione: l’USB attacca Marziano sul blocco dei criteri B4 e B5 dell’Avviso 8. La precisazioni di Gianni Silvia”

  1. Inneres Auge ha detto:

    Premesso che in un posto normale l’imperscrutabile Silvia sarebbe stato accompagnato alla porta per manifesta incapacità – è due anni che non riesce a far decollare un bando – sembra quasi che la scelta di “espungere” i criteri B4 e B5 sia stata fatta apposta per affossare definitivamente l’avviso 8…già immagino gli avvocati che gongolano… già, perché questa scelta non fa altro che penalizzare ulteriormente gli enti che il personale lo posseggono, mettendoli sullo stesso piano di quelli che non ce l’hanno, contravvenendo quindi all’avviso stesso. Sarebbe stato più corretto e logico applicare correttamente i criteri, ma correttezza e logica non albergano da quelle parti.

Rispondi

Seguici su Twitter
Chi Siamo

Giornale online diretto
da Giulio Ambrosetti

vice direttore
Antonella Sferrazza

timesicilia@gmail.com

Powered by GianBo