Formazione nella subacquea industriale: la legge siciliana riferimento in Italia e n Europa
Economia, In Evidenza, Primo Piano

Formazione nella subacquea industriale: la legge siciliana riferimento in Italia e n Europa


Time Sicilia

Non a caso Palermo ospiterà il 35imo meeting Iinternazionale sulla metalmeccanica subacquea promosso dall’Associazione Internazionale dell’IDSA, organizzazione Internazionale delle scuole della metalmeccanica subacquea IDSA, con sede a Malestroit (Francia)

di Manos Kouvakis
direttore del CEDIFOP di Palermo
riceviamo e volentieri pubblichiamo

La legge n. 7 approvata nel 2016 dal Parlamento siciliano – eccellenza e prerogativa della nostra Isola – è ormai diventata una realtà.

Circa una anno e mezzo fa l’Assemblea regionale siciliana ha approvato la già citata legge 07/2016: “Disciplina dei contenuti formativi per l’esercizio delle attività della subacquea industriale”. Provvedimento che va a colmare il vuoto legislativo esistente in Italia da ben 36 anni, regolamentando i percorsi formativi previsti per le attività della metalmeccanica subacquea al di fuori delle aree portuali, essendo quelle all’interno dei porti regolamentate dai decreti ministeriali del 13.01.1979 e 01.01.1982, deceti che hanno creato la figura dell’OTS come “Operatore Tecnico Subacqueo” che svolge la sua attività all’interno delle stesse aree portuali.

La legge 07/2016 della Regione Sicilia prevede la creazione di un repertorio telematico (albo) gestito dall’assessorato al Lavoro con il rilascio di una card del commercial diver Italiano che avrà una spendibilità su tutto il territorio dell’Unione Europea, per le attività lavorative fuori dalle aree portuali.

L’imminente apertura del repertorio telematico è stato il motivo della visita dell’assessore regionale al Lavoro, Carmencita Mangano, accompagnata da Vincenzo Nucera del suo Ufficio di Gabinetto, incaricato alla stesura della delibera di Giunta per l’istituzione del Repertorio telematico al Porto di Palermo.

L’assessore Mangano e Nucera hanno visitato la sede del CEDIFOP, scuola di specializzazione, che ha de nell’area portuale di Palermo, che si occupa di questo tipo di percorsi formativi nel settore della metalmeccanica subacquea, con diversi riconoscimenti in ambito internazionale. L’assessore si è intrattenuta con i docenti e gli allievi provenienti da diverse regioni d’Italia, dalla Russia, dalla Grecia e dall’Egitto. L’occasione per scambiare opinioni sull’utilità e sulla funzionalità del repertorio.

Successivamente l’assessore e il suo staff hanno incontrato il nuovo Comandante della Direzione Marittima di Palermo, Contrammiraglio Salvatore Gravante, con il quale hanno discusso, in presenza di esponenti sindacali ed esperti del settore, sia dell’applicazione della citata legge regionale, sia dell’adeguamento delle ordinanze emesse dalle Capitanerie di Porto dove si devono distinguere le attività svolte in ambito portuale riservate agli OTS dalle attività svolte fuori dai porti regolamentate dalla legge 07/2016 della Regione Sicilia.

L’assessore regionale al Lavoro ha sottolineato il suo impegno personale nel portare entro il termine del suo mandato tutte le operazione necessarie per l’attivazione delle iscrizioni degli aventi diritto presso il suo assessorato cosi come la legge stessa prevede, dando cosi via alla riforma del settore che si aspettava da ben 36 anni.

L’assessore Mangano ha inoltre sottolineato l’importanza che assume, a livello europeo, la card del commercial diver Italiano che sarà rilasciata dall’assessorato al Lavoro e della sua spendibilità prevista dalla legge su tutto il territorio europeo e del lavoro importante che attualmente si sta svolgendo presso l’assessorato alla Formazione Professionale, dove si lavora per l’inserimento nel repertorio telematico delle qualifiche professionali della Regione Sicilia dei tre profili formativi previsti dalla legge regionale: legge che, seguendo le procedure previste dalla legislazione italiana, con una serie di “passaggi” previsti dall’Unione Europea, Ministero del Lavoro e INAPP (ex ISFOL) procederà con l’inserimento di queste qualifiche nel cosiddetto ‘Atlante del Lavoro e delle Qualificazioni’ sotto la voce di “QUADRO NAZIONALE DELLE QUALIFICAZIONI REGIONALI” nel Repertorio nazionale dei titoli di istruzione e formazione e delle qualificazioni dando loro validità nazionale.

Operazione che vede la Sicilia come protagonista nel settore che subiva la mancanza di una legislazione di categoria e che ora, grazie al lavoro realizzato dal Parlamento siciliano e dagli assessorati competenti, sta facendo diventare la Sicilia punto di riferimento non soltanto a livello nazionale, ma anche fuori dai confini italiani, cosi come ha sostenuto il dottor Nucera in un suo intervento.

Non per caso Palermo ospiterà il 35imo meeting Iinternazionale sulla metalmeccanica subacquea promosso dall’Associazione Internazionale dell’IDSA, organizzazione Internazionale delle scuole della metalmeccanica subacquea IDSA, con sede a Malestroit (Francia), che prevede la partecipazione di 14 delegazioni internazionali, per discutere di subacquea industriale e della legge della Regione siciliana, vista come modello esportabile anche in altri paesi, dal 17 al 19 ottobre presso l’Astoria Palace Hotel.

16 ottobre 2017

Autore

TimeSicilia


Rispondi

Seguici su Twitter
Chi Siamo

Giornale online diretto
da Giulio Ambrosetti

vice direttore
Antonella Sferrazza

timesicilia@gmail.com

Powered by GianBo