Italicum, Misuraca (Ncd): “Presenteremo una mozione per cambiare la legge”

Premio di maggioranza alla coalizione e no al doppio turno. Queste alcune delle modifiche richieste da Ncd che si appresta a presentare una mozione, mentre la Consulta rinvia ogni decisione

La notizia era nell’aria. Ma, oggi è arrivata la conferma ufficiale: la Corte Costituzionale ha rinviato il verdetto sull’Italicum: “Il Presidente della Corte Costituzionale, – si legge in una nota ufficiale- sentito il collegio, ha deciso di rinviare a nuovo ruolo la trattazione delle questioni di legittimità costituzionale, sollevate dai Tribunali di Messina e di Torino in merito alla legge n.52 del 2015 (“Italicum”), prevista per l’U.P. del 4 ottobre 2016”.

La Corte, insomma, non vuole essere coinvolta nel dibattito referendario e sceglie di rendere nota la sua decisione sulla costituzionalità della nuova legge elettorale, in vigore da due mesi, solo dopo l’esito della consultazione che renderà più chiaro il quadro normativo.

Il dibattito in Parlamento resta, però, infuocato, nonostante un’apertura ad eventuali modifiche sia arrivata dallo stesso Matteo Renzi (ne ha parlato anche alla Festa dell’Unità di Catania).

In aula alla Camera è iniziato l’esame della mozione a firma Sinistra italiana-Sel, che verrà votata mercoledì e che impegna il Governo a cambiare la legge.

Anche il Nuovo centro destra si appresta a presentare una mozione, come spiega in questo video il deputato Dore Misuraca, “perché si giunga, dopo l’esito del referendum, ad una modifica dell’Italicum”.

1 thought on “Italicum, Misuraca (Ncd): “Presenteremo una mozione per cambiare la legge”

Rispondi