La riforma Renzi voluta da USA e Germania. Ma chi lo diceva nei mesi scorsi non era “complottista”?

Certo che ‘sti italiani sono strani. Adesso non sopportano più Renzi – lo fischiano ovunque vada – e, in massa, vogliono votare No al referendum sulle ‘riforme’ costituzionali che piacciono tanto ad americani e tedeschi. E dell’attuale Presidente del Consiglio, voluto da USA e tedeschi che ne facciamo? Ma vi rendete conto? Senza la riforma costituzionale Renzi americani e teutonici non possono più farsi i cavoli propri nel nostro Paese…

Certo che ‘sti italiani sono strani. Adesso non sopportano più Renzi – lo fischiano ovunque vada – e, in massa, vogliono votare No al referendum sulle ‘riforme’ costituzionali che piacciono tanto ad americani e tedeschi. E dell’attuale Presidente del Consiglio, voluto da USA e tedeschi che ne facciamo? Ma vi rendete conto? Senza la riforma costituzionale Renzi americani e teutonici non possono più farsi i cavoli propri nel nostro Paese…  

Ricordate? Quando, nei mesi scorsi, è cominciata a circolare la voce che dietro le riforme costituzionali – o presunte tali – volute dal Governo Renzi e dal Parlamento di ‘nominati’ ci sono realtà politiche e finanziarie internazionali, è partita subito la controffensiva del pensieri unico europeista da quattro soldi: sono i soliti complottisti, non c’è niente di vero, la riforma della Costituzione è necessaria e il Governo Renzi ci sta mettendo la faccia e bla bla bla.

Ora si scopre che gli USA e la Germania sponsorizzano, direttamente, il sì.

Allora, compagni del PD renziano e massoni europeisti da due soldi (quattro sono troppi): che fine avete fatto? Vi è passata la voglia di dire che chi sostiene che questa pessima riforma costituzionale – venata di piduismo – è voluta dai poteri forti è un visionario e complottista? Avete perso il dono della parola?

La verità è che da quando USA e Germania hanno capito che l’80 per cento degli italiani voterà No al referendum sulle riforme di Renzi e compagni, beh, i conti non tornano più. Non all’Italia, ovviamente: i conti non tornano più ad americani e tedeschi che pensavano, immaginavano, speravano e forse ne erano convinti di farsi i cavoli propri nel nostro Paese.

Ovviamente, per chi deve fare i propri porci comodi in Italia – con riferimento sempre a USA e Germania – la Costituzione del 1948 è un vincolo.

Certo, Renzi ha già sfasciato lo Statuto dei lavoratori e ha fatto approvare il Jobs Act. Gli americani e i tedeschi che verranno a ‘investire’ in Italia potranno licenziare senza problemi.

Questo non basta. La storia della guerra, per esempio. Vero è che in Sicilia, gli americani, hanno sempre fatto quello che hanno voluto: basi americane visibili, nascoste, missili e adesso anche il Muos a Niscemi. Però…

Insomma: ancora con ‘sto Parlamento italiano che deve autorizzare le missioni militari? E cavolo!

E che dire del fatto che, ancora oggi, il capo del Governo italiano deve riferire in Parlamento?

Se gli ordini li danno gli americani e i tedeschi che bisogno c’è del Parlamento italiano? Non è una perdita di tempo? Non è più funzionale un capo del Governo con poteri assoluti, con una sola Camera al suo completo servizio, proprio come c’è scritto – in un pessimo italiano per non farlo capire a tutti i cittadini – nella riforma voluta dal Governo Renzi e approvata dal Parlamento di ‘nominati’?

E che combinano ‘sti italiani? Non solo non sopportano Renzi – messo lì dall’Unione Europea, Germania in testa, con la ‘benedizione’ USA – ma non vogliono approvare la ‘riforma’ dell’attuale capo del Governo (italiano? italo-tedesco? italo-americano? vattelappesca).

Ma stiamo scherzando? Gli italiani che si comportano da popolo libero! Ma come: i massoni di palazzo Giustiniani (e della P2) hanno fatto tanto per ‘infilare’ l’Italia prima nell’Unione Europee e poi nell’Euro e adesso gli italiani si lamentano?

E al Presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella – messo lì per volere di Renzi – che va a dire che gli italiani sono liberi di votare da uomini liberi e da donne libere. ragazzi: non c’è più mondo.

Insomma: l’Unione Europea dell’Euro, come in un celebre romanzo di Saul Bellow, ci ha “liberato dalla libertà” e adesso ci lamentiamo della ‘riforma’ costituzionale di Renzi (applaudita da tedeschi e americani) che realizza proprio questo obiettivo?

Ma come? Obama e la Merkel ci davano già per “volgo disperso che non non ha” e noi non vogliamo né Renzi, né la sua riforma della Costituzione?

Certo che gli italiani sono capricciosi…

1 thought on “La riforma Renzi voluta da USA e Germania. Ma chi lo diceva nei mesi scorsi non era “complottista”?

  1. Questo giornalista el dice proprio quello che voliamo sentirci dire, gli investitori che creano disoccupazione, per esempio, ne è una conferma

Rispondi