La saga del mare/ I guai della Caronte & Tourist e quella volta che fregò la Compagnia delle Isole…

Altra bufera sul settore dei trasporti marittimi dominato da quelle famiglie che misero K.O una società a partecipazione pubblica. Con tante complicità…

Non c’è pace nel mare magnum dei trasporti marittimi siciliani. Dopo l’inchiesta ‘Mare Mostrum’, che ha inguaiato la famiglia Morace (Liberty lines) e tutta una serie di politicanti al loro servizio (ricordiamo che la Procura di Palermo ha definito il caso “un vero e proprio romanzo della corruzione” che ruota intorno ad affari milionari, risorse pubbliche, collusioni e corruzione), adesso tocca ai loro compari: i Franza. Quello che è successo lo leggiamo su tutti i giornali stamattina: la “Caronte & Tourist Spa”, società che effettua il traghettamento tra Calabria e Sicilia, è stata posta in amministrazione giudiziaria per sei mesi nell’ambito di un provvedimento eseguito questa mattina dalla Direzione investigativa antimafia di Reggio Calabria, perché avrebbe “aiutato”esponenti della ndrangheta.

Insomma, sulle due società che, di fatto, esercitano in regime di monopolio nel settore dei trasporti marittimi siciliani, si abbattono vere e proprio bufere giudiziarie, mentre chi amministra la cosa pubblica ha sempre  chiuso un occhio, o anche due.

L’inchiesta, va da sé, è in corso. E ci vorrà parecchio tempo prima che giunga alla sua conclusione. Ma tutto il contesto, al di là delle notizie odierne, è ancora più nebuloso e vale la pena ricordarlo. Con inuovivespri.it ci siamo occupati  in lungo e in largo di questo settore e di tutte le sue anomalie. In questo articolo, ad esempio, vi raccontiamo di come le due famiglie che padroneggiano il mare siciliano, i Morace e i Franza, appunto, abbiano soffiato “il business milionario” alla Compagnia delle Isole, società a partcipazione pubblica,  con la compiacenza di molte istituzioni. In ballo c’era l’acquisizione della Siremar (dopo lo scorporo della Tirrenia). I Franza e i Morace, dopo un controverso pronunciamento del Consiglio di Stato, se ‘la pappano’ (con la SNS) in un sol colpo a discapito della società a partecipazione pubblica (la Compagnia delle Isole, per l’appunto) senza che nessuno senta il bisogno di celebrare una nuova gara.

Roba da scandalo in Paesi civili. Il tutto con l’avallo dell’Antitrust Nazionale e, manco a dirlo, delle istituzioni regionali e nazionali preposte.

Non solo. Dopo questo passaggio che consacra il regime monopolista, poco dopo l’acquisizione della Siremar, i Morace e i Franza concordano uno ‘spacchettamento’ della società. A fine giugno del 2016, infatti, i due armatori, dinnanzi ad un notaio, scrivono nero su bianco che il ramo traghetti va alla Caronte&Tourist, alias gruppo Franza) e che il ramo aliscafi va a Ustica Lines (oggi Liberty lines, ovvero il gruppo Morace). La società da Spa diventa così società consortile.

Le domande che annebbiano anche questa operazione sono tante: chi ha autorizzato lo scorporo? Basta una semplice comunicazione cartacea al Ministero per procedere? Può una società che gestisce concessioni statali e regionali decidere di trasformare il suo status e scindersi? La Regione non avuto nulla da ridire?

Insomma, qui sotto trovate tutti gli approfondimenti del caso (all’interno di ogni articolo i link ai precedenti) e continueremo a seguire quelli che scaturiranno dalla nuova inchiesta. Una solo considerazione: solo la magistratura è chiamata a fare chiarezza nel meraviglioso mondo dei trasporti marittimi siciliani?

Gli affari del mare 22/ Lo scorporo della SNS nel mirino dei magistrati

Gli affari del mare 21/Ai privati il controllo sul monopolio: assessore Falcone, dice vero?

Gli affari del mare 20/Danno erariale? “La Regione intervenga prima dell’Ue”

Gli affari del mare 20/Danno erariale? “La Regione intervenga prima dell’Ue”

 

Gli affari del mare 6/ L’Antitrust accusa la Regione e si autoassolve…

Gli affari del mare 5/ Interrogazione parlamentare sulla Siremar e sui bandi per i trasporti

Gli affari del mare 4/ L’Antitrust e la Sicilia: una volta sì, una volta no…

Gli affari del mare 3/Nuovi dubbi sul bando per i collegamenti con Egadi e Eolie

Gli affari del mare 2/ L’eterno ritorno delle stesse facce…

Lo scandalo di aliscafi & traghetti 1: i retroscena milionari dell’accoppiata Morace-Franza

 

Rispondi

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com