Letti e riletti/ ‘Assassinio nella cattedrale’, un viaggio verso i confini eterni di un imperscrutabile aldilà
Cultura

Letti e riletti/ ‘Assassinio nella cattedrale’, un viaggio verso i confini eterni di un imperscrutabile aldilà


Time Sicilia

Assassinio nella Cattedrale di T.S. Eliot, è forse l’opera più conosciuta del drammaturgo americano. Dalla visione pessimistica ed anticosmogonica della “Terra desolata”, una delle sue prime opere in versi, il dramma segna il punto di svolta della conversione alla fede del poeta e scrittore

di Lorenzo Ambrosetti

L’opera si svolge a Canterbury, nel Kent, e inizia con le donne del Coro che attendono il ritorno dell’Arcivescovo, Tommaso Bechet, dal suo esilio francese in cui lo aveva relegato il re di Inghilterra.

Bechet accetta il rischio di rientrare contro la volontà del Re, e sapendo esattamente di rischiare la propria vita.

I tentatori che si succedono nella scena sono la manifestazione non solo del potere temporale, che vorrebbe privilegiare su quello spirituale, ma segnano, per Eliot, anche il conflitto insanabile tra spirito e materia, conflitto, comunque, che per il drammaturgo è l’eterna irrisoluzione dell’uomo.

Così come anche in Shakespeare, per Eliot l’uomo è, usando le parole del primo, “un essere strisciante tra cielo e terra” che non raggiungerà mai una vera e proprio equilibrio tra le contrapposte istanze che si muovono all’interno della sua anima.

In ciò Eliot è apertamente in contrasto con i pensatori cristiani come Agostino di Ippona e Tommaso D’Acquino che, rifacendosi al pensiero di Platone, ritenevano risolto il dilemma anima corpo.

L’anima per Eliot rimane comunque immortale e l’uomo ritornerà, in un’altra vita, a ricongiungersi al Divino.

Per Eliot ciò è tanto vero che Tommaso Bechet si fa uccidere dalle guardie inglesi, con questo affermando il primato del bene e della verità sulla apparente ed illusoria falsità della vita umana.

La vita dunque come viaggio verso i confini eterni di un imperscrutabile aldilà.

Foto tratta da operanews.com

18 aprile 2018

Autore

TimeSicilia


Rispondi

Seguici su Twitter
Chi Siamo

Giornale online diretto
da Giulio Ambrosetti

vice direttore
Antonella Sferrazza

timesicilia@gmail.com

Powered by GianBo