L’Europa dell’Euro è un progetto criminale: le parole del grande scienziato tedesco,  Matthias Rath (video)
Economia, Primo Piano

L’Europa dell’Euro è un progetto criminale: le parole del grande scienziato tedesco, Matthias Rath (video)


Time Sicilia

06Quattro anni fa Matthias Rath dimostrava di avere capito la pericolosità del progetto dell’Euro. Dietro questa moneta criminale c’è un progetto politico criminale voluto dalle grandi industrie farmaceutiche: bloccare gli studi scientifici che debellerebbero alcune gravi malattie per consentire questi signori di continuare a guadagnare sulle sofferenze della gente  

Quando scriviamo che è necessario sbaraccare l’Euro, moneta criminale che serve solo a tenere soggiogati e prigionieri milioni di persone, per consentire a un ristretto gruppo di delinquenti di arricchirsi ci prendono per esagitati. Bene, a questo punto vi invitiamo ad ascoltare il discorso di questo scienziato tedesco. Si tratta di Matthias Rath, uno dei più grandi scienziati del nostro tempo (come potete leggere qui).

Matthias Rath ha tenuto questo discorso (che potete ascoltare qui, con la traduzione) il 13 marzo 2012 a Berlino.

Questo scienziato non dimostra soltanto di avere chiaro il progetto criminale che c’è dietro l’Euro, ma spiega anche gli interessi che ci stanno dietro: ovvero l’industria farmaceutica che fa affari sulle malattie. Malattie che potrebbero essere curate con rimedi naturali, ma che invece debbono essere curate con le costose medicine prodotte dalle multinazionali.

Per questi criminali – che oggi, attraverso l’Euro e la finta Unione Europea, tengono sotto scacco i Paesi europei che hanno aderito all’Euro – le malattie sono ‘fattori della produzione’. Riducendo la presenza di queste malattie, o eliminandole, i criminali che oggi tengono in ostaggio l’Europa perderebbero un sacco di soldi.

Da qui la necessità che queste malattie non vengano ridotte o debellate, per consentire a questi criminali di continuare a lucrare sulla sofferenza di milioni di persone.

Matthias Rath, già nel 2012, dimostra di avere chiaro il quadro politico europeo. Non a caso invita, ad esempio, i francesi a non votare per Nicolas Sarkozy.

Lo scienziato lancia un monito ad Angela Merkel. Gli ricorda che, per la terza volta, la Germania – dopo la prima e la seconda guerra mondiale – rischi di diventare il baricentro di un progetto di dominio della solita lobby farmaceutica sull’Europa.

Insomma, non tutti i tedeschi seguono la Merkel e la sua politica infame (si pensi alle sofferenze che la Germania guidata da questa signora – con l’appoggio della Troika, altra banda di esagitati e fanatici). Ci sono tedeschi che non hanno nulla a che vedere con i banditi che oggi governano l’Europa dell’Euro.

Il passaggio sulla Merkel ci dice quale terribile rischio ha corso l’Italia con il referendum sulle riforme costituzionali voluto da Renzi e ‘bocciato’ dagli italiani.

Renzi, alleato della Merkel, portava avanti una riforma costituzionale che avrebbe assoggettato ancora di più l’Italia alla Germania.

Questo ci dice che, ancora oggi, Renzi va combattuto: va combattuto lui e i signori che, insieme con lui, si sono impossessati del PD, partito che avrebbe dovuto essere il riferimento della sinistra, ma che è diventato il braccio operativo dell’Europa dell’Euro: basti pensare alle pessime riforme del mercato del lavoro, ai disastri compiuti nella scuola, ai tagli alla sanità e, in ultimo, alla vergognosa legge, approvata qualche giorno fa dal Parlamento nazionale di ‘nominati’ che punta a regalare 20 miliardi di Euro alle banche, con il testa il Monte dei Paschi di Siena.

Importantissimo il messaggio che Matthias Rath lancia a tutti i Paesi che sono caduti nella trappola dell’Euro: dire subito addio alla moneta unica europea.

Attenzione: lo scienziato tedesco non è contro l’Europa Unita. Al contrario, è favorevole al processo d’integrazione europea. Ma non seguendo l’attuale strada. Per questo invita tutti i Paesi europei che hanno aderito all’Euro a ritornare alla propria moneta, ovvero a riprendersi la sovranità monetaria.

P.S.

Ci rendiamo conto che, soprattutto in Italia, per chi si è lasciato abbindolare dall’Europa dell’Euro, non è facile ammettere di non avere capito nulla. Ci sono un sacco di persone che, ancora oggi, pensano che l’Euro sia una moneta seria e non lo strumento nelle mani di agguerriti e determinati criminali. 

Per queste persone è durissimo ammettere di avere sbagliato. Tra l’altro, anche alcuni premi Nobel per l’economia hanno detto a chiare lettere che l’Euro è un disastro. Ma questo non è bastato. 

Che vogliamo dire? Che la lotta per liberare l’Italia dai criminali dell’Euro è ancora lunga. L’Italia non è l’Inghilterra. E la ‘Grande informazione’ italiana è quella che è…

 

 

 

6 gennaio 2016

Autore

TimeSicilia


ONE COMMENT ON THIS POST To “L’Europa dell’Euro è un progetto criminale: le parole del grande scienziato tedesco, Matthias Rath (video)”

Rispondi

Seguici su Twitter
Chi Siamo

Giornale online diretto
da Giulio Ambrosetti

vice direttore
Antonella Sferrazza

timesicilia@gmail.com

Powered by GianBo