L’Orlando furioso in nove icone gioello: Roberto Intorre apre il SalinadocFest VD

Per la prima volta, la favola di Orlando verrà rappresentata non più solo con parole, immagini o rappresentazioni teatrali, ma con metalli preziosi

Malfa (Isola di Salina) – Roberto Intorre apre I’XI edizione del SalinadocFest  , con l’inaugurazione della sua mostra ”VIAGGIO MERAVIGLIOSO”: nove icone gioiello tratte da “L’ORLANDO FURIOSO” DI LUDOVICO ARIOSTO

Per la prima volta, la favola di Orlando verrà rappresentata non più solo con parole, immagini o rappresentazioni teatrali, ma con metalli preziosi che, oltre ad essere ammirati in un’opera che ha una sua completezza e un suo racconto, possono essere decontestualizzati e indossati.

“L’idea e il desiderio di realizzarla  – spiega  Intorre – nasce come ogni opera d’arte, da un bisogno… quasi da un’urgenza. E il bisogno, oggi, è quello di sentirsi un po’ sognatori in una società satura che ci dà ormai poco spazio per immaginare e che sembra aver perso la sua capacità di creare miti. Lo studio dell’Orlando Furioso ci ha introdotto in un mondo favoloso e affascinante in cui ogni aspetto “dell’umano” è descritto con profonda leggerezza.”

Ed è proprio di questa “profonda leggerezza” che Roberto Intorre vuole arricchire i suoi gioielli, di questa emozione che diventa possibile mostrare, perché diventa oggetto prezioso come prezioso è il mondo interiore.

“La possibilità di assistere e attingere dalla tradizione dell’Opera dei Pupi di Mimmo Cuticchio, – continua Intorre – ha ulteriormente contribuito ad orientare il percorso nella direzione del racconto, perché l’Arte è sempre contaminazione di pensieri e intenti.”

La scelta di presentare l’opera sull’isola di Salina, meta di viaggiatori alla ricerca di scenari naturali di rara bellezza e altrettanto ricchi di storia e cultura – non è casuale, ma nasce anch’essa dall’idea del viaggio, dalla necessità dell’attraversamento, e dalla sensazione di trovarsi in un luogo “altro”, che è insieme reale e fantastico.

servizio  di Patrizia Gangi

realizzazione video  di Antonio Scarcella

 

 

 

Rispondi