Modesta proposta sulla legge Fornero
Economia, In Evidenza, Primo Piano

Modesta proposta sulla legge Fornero


Giulio Ambrosetti

La proposta è la seguente: far provare gli effetti ‘benefici’ della legge Fornero a chi, oggi, sui giornali e in Tv difende questo provvedimento legislativo, spiegandoci con parole dotte che è “indispensabile per salvaguardare il sistema pensionistico italiano”. Lasciamo queste persone, per 5 anni, senza stipendio e senza pensione…

Infuria, da quando è nato il Governo Movimento 5 Stelle-Lega, una rovente polemica sulla legge Fornero. Grillini e leghisti, è noto, vogliono sbaraccare tale legge. Poi ci sono gli esponenti di altre forze politiche – PD in testa – che replicano dicendo che la legge Fornero non si può toccare perché crollerebbe il sistema pensionistico italiano.

Bene. Vorremmo avanzare una modesta proposta: consentire a coloro i quali, oggi, difendono la legge Fornero di ‘assaporare’ uno dei punti più ‘qualificanti’ di questa intelligente e lungimirante riforma del sistema pensionistico: l’esodo a zero picciuli.

Parliamo della grande, eccezionale, insuperabile, irripetibile invenzione della legge Fornero: gli esodati. Si tratta dei lavoratori – di solito in età matura – che perdono il lavoro, ma che non possono disporre, subito, della pensione.

Lavoratori che si sacrificano – o meglio, che vengono sacrificati – per tenere “in ordine” i conti dell’INPS.

Pensate un po’: disoccupati freschi di disoccupazione che rimangono senza pensione e senza lavoro.

La nostra proposta – entrando nel merito – è la seguente: far provare a chi scrive e a chi va in Tv, dichiarandosi favorevole al mantenimento della legge Fornero 5 anni di condizione di esodati.

Avete letto bene: lasciare queste persone che filosofeggiano sulle ‘virtù’ della legge Fornero per cinque anni senza stipendio e senza pensione.

Se il loro sì al mantenimento della legge Fornero è spassionato, cristallino,  puro, dovrebbe essere ben felici di difendere le proprie idee provando di persona gli effetti di uno dei punti più ‘qualificanti’ di questo provvedimento legislativo che dobbiamo al Governo Monti e alla sua Ministra Elsa Fornero.

Restando per cinque anni senza stipendio e senza pensione il loro amore per la legge Fornero acquisterebbe grande credibilità agli occhi degli italiani.

 

 

5 giugno 2018

Autore

GiulioAmbrosetti


Rispondi

Seguici su Twitter
Chi Siamo

Giornale online diretto
da Giulio Ambrosetti

vice direttore
Antonella Sferrazza

timesicilia@gmail.com

Powered by GianBo