Nadia Spallitta: “Palermo agli ultimi posti per responsabilità del sindaco Orlando e del PD”
In Evidenza, Politica, Primo Piano

Nadia Spallitta: “Palermo agli ultimi posti per responsabilità del sindaco Orlando e del PD”


Time Sicilia

La candidata al Senato nella lista Liberi e Uguali nel collegio Palermo-Bagheria parla dei problemi del capoluogo dell’Isola, dalla raccolta differenziata dei rifiuti a percentuali ridicole all’acqua che manca, dai giovani laureati che vanno via alla ZTL. E il PD che fa? Appoggia tale stato di cose! 

Nadia Spallitta, candidata al Senato nel collegio Palermo-Bagheria nella lista Liberi e Uguali non fa sconti. E non risparmia l’amministrazione comunale di Palermo e il sindaco, Leoluca Orlando.

“Il sindaco Orlando – dice Nadia Spallitta in un comunicato – continua a tradire la fiducia che negli ultimi 40 anni la maggioranza dei cittadini palermitani gli ha rinnovato. Nessuno dei servizi di competenza della città funziona, dalla raccolta differenziata, ingiustificatamente ferma al nove percento in città e al dodici percento in provincia, con danni all’erario e ai cittadini, oltre che all’ambiente”

Duro anche l’attacco sulla gestione dell’acqua:

“La gestione delle risorse idriche – aggiunge – è inadeguata a tal punto che dopo trent’anni, si torna al razionamento dell’acqua. Nessuna programmazione, nessun investimento sulle dighe, sulle reti obsolete e nessuna azione di prevenzione che il sindaco avrebbe dovuto garantire”.

Servizi alla città e burocrati:

“Nessun servizio per Palermo, la cui economia è ferma anche per le disfunzioni e i ritardi degli uffici tecnici. L’amministrazione ha avuto ben 5 anni per bandire il concorso pubblico per l’assunzione dei dirigenti, invece ha preferito fare ricorso ad incarichi esterni a tempo determinato, (peraltro dichiarati illegittimi dal TAR) e a prorogarli, piuttosto che procedere con concorsi pubblici per le assunzioni stabili dei dirigenti. Per non parlare della dimensione del sociale, che nonostante l’impegno dell’attuale assessore, non riesce ancora a dare risposte ai bisogni dei più deboli”.

“Non ultimo – prosegue l’esponente di Liberi e Uguali – il bollettino di guerra legato alla paradossale vicenda delle ZTL. Si pensi alle tante multe ai disabili. Ovviamente questa situazione di paralisi e di inefficienza non è solo: responsabilità del capo dell’amministrazione, ma anche dei tanti soggetti istituzionali, amministrativi e politici, che non hanno fatto la loro parte, che non hanno vigilato e che in tutti questi anni non hanno svolto nessun ruolo di controllo”.

E le opposizioni?

“Sicuramente non si è registrata nessuna forma di opposizione né dal centrodestra, né dalla sinistra, in merito a delle scelte, evidentemente errate, visto che oggi Palermo si trova agli ultimi posti delle statistiche nazionali ed europee per: istruzione, livelli occupazionali, disoccupazione, emigrazione giovanile, etc.”.

Quindi l’attacco al PD:

“Grandi responsabilità ha anche il Partito Democratico, che di fatto ha consegnato la città ad uomo solo. Credo che sia arrivato il momento, di fronte al grave disagio avvertito da tutti ed in presenza di condizioni così negative rispetto alla qualità della vita, di concentrarsi seriamente sui problemi cittadini e provinciali e dare risposte vere alle istanze che vengono dal territorio. Il sindaco rinunci pertanto, con abnegazione, alle competizioni elettorali e dimostri con comportamenti concreti, l’amore che ha sempre dichiarato per la sua città”.

Foto tratta da gds.it

7 febbraio 2018

Autore

TimeSicilia


Rispondi

Seguici su Twitter
Chi Siamo

Giornale online diretto
da Giulio Ambrosetti

vice direttore
Antonella Sferrazza

timesicilia@gmail.com

Powered by GianBo