Nadia Spallitta sui conti ballerini del Comune di Palermo: “Ecco perché i giovani emigrano”
Economia, In Evidenza, Primo Piano

Nadia Spallitta sui conti ballerini del Comune di Palermo: “Ecco perché i giovani emigrano”


Time Sicilia

Da consigliera comunale Nadia Spallitta ha più volte criticato la gestione contabile del Comune di Palermo. Ora anche gli ispettori del Ministero dell’Economia puntano i riflettori sul bilancio comunale. Un impietoso quadro delle anomalie, dalla gestione del personale ai debiti fuori bilancio, dalle società collegate all’aumento della pressione fiscale 

“Per molto tempo in Consiglio comunale mi sono opposta all’approvazione dei documenti contabili sollevando varie criticità che oggi sono confermate dalla relazione degli ispettori ministeriali”.

Lo dice Nadia Spallitta, già consigliere comunale di Palermo, a proposito di quanto scritto dagli ispettori del Ministero dell’Economia e delle Finanze nella relazione sulla verifica amministrativo-contabile al Comune di Palermo.

“Avevo sollevato, ad esempio, la questione del rispetto degli equilibri di bilancio e quindi del possibile dissesto a causa di un eccesso di spese per il personale. Erroneamente, infatti, le spese per i dipendenti delle partecipate venivano registrate come prestazioni di servizi mentre invece avrebbero dovuto aggiungersi ai costi del personale comunale. La consapevolezza dei costi effettivi di questi dipendenti e del possibile sforamento dei parametri di deficitarietà avrebbero dovuto portare l’amministrazione comunale a scelte più oculate rispetto all’arganizzazione della ‘macchina’ amministrativa e alle relative spese”.

“Campanello d’allarme dei vizi gestionali – sottolinea Spallitta – avrebbe dovuto essere l’incremento sistematico dei debiti fuori bilancio che, a Palermo, hanno raggiunto la spropositata cifra di 30 milioni di euro quando invece si tratta di un istituto eccezionale”.

“Ugualmente – precisa ancora Nadia Spallitta – l’inadeguatezza amministrativa emerge dalla situazione patrimoniale e finanziaria delle aziende partecipate, anche queste oggetto della relazione ministeriale, alcune delle quali registrano perdite consistenti- come l’AMAT- altre sopravvivono grazie ad aumenti capitale del socio unico, cioè del Comune di Palermo, a varie forme di indebitamento e ad aumenti spropositati delle tarrifazioni (acqua- rifiuti), quindi all’aumento della pressione fiscale sui cittadini”.

Tutti elementi – sottolinea l’ex consigliere comunale – che denotano una sofferenza di queste aziende, carenti anche sotto il profilo della capacità manageriale, che si traduce in possibili sprechi e criticità nei servizi. Non a caso Palermo, proprio in questi anni, è finita tra le ultime città italiane per qualità della vita e dei servizi”.

“Al di là delle specifiche criticità note solo in parte, dalla relazione ministeriale emerge un quadro poco incoraggiante della situazione finanziaria del Comune di Palermo, che sembra rappresentare un modo di fare politica poco trasparente e poco partecipato. Un modo di fare politica che, spesso, sembra essersi fondato su scelte unilatrali e fiduciarie anche quando i paramatri avrebbero dovuto essere quelli oggettivi fondati sulla meritocrazia come previsto, invece, dalle procedure ad evidenza pubblica”.

Un sistema – conclude Nadia Spallitta – di cui è responsabile l’amministrazione, ma anche chi avrebbero dovuto fare in modo più efficace opposizione. Un sistema che congela la nostra città e che non ha consentito un effettivo sviluppo socio-economico. Ed è per questo che i nostri ragazzi continuano ad emigrare”.

Da leggere:

Il Comune di Palermo sta andando al voto con un rating finanziario “E”, che significa rischio default!

28 novembre 2017

Autore

TimeSicilia


Rispondi

Seguici su Twitter
Chi Siamo

Giornale online diretto
da Giulio Ambrosetti

vice direttore
Antonella Sferrazza

timesicilia@gmail.com

Powered by GianBo