Natale in Libia per i pescatori siciliani? Bonus ‘vacanza’ del governo siciliano e romano…

Cosa avrebbero fatto la Francia, l’Inghilterra o l’America se la Libia avesse rapito i loro marinai?

I francesi avrebbero già mandato uno stormo di Mirage. Gli inglesi una nutrita flotta della Royal Navy. I tedeschi i carri armati tirati a lucido e sempre pronti. Gli americani, manco a dirlo, i Marines.

E gli italiani? Niente.

Da tre mesi 18 pescatori siciliani marciscono in una prigione libica e non si sa nulla di loro: cosa sta facendo il governo? Quando torneranno a casa? Come è possibile che 18 marinai, cittadini siciliani, cittadini italiani, sono alla mercé del generale Haftar e tutto tace? Come è possibile che il governo italiano non stia facendo il diavolo a quattro per riportarli a casa? Come è possibile che il governo siciliano non stia scatenando un putiferio per liberare questi pescatori?

Non condividiamo, doveroso precisarlo, la filosofia bombarolo dei Paesi sopracitati, che già tanto danno hanno fatto nel Mediterraneo, causandone lo scompiglio e l’instabilità. Ma non possiamo nemmeno accettare la passività dei governanti italiani e siciliani dinnanzi a questa triste storia che si sta prolungando troppo.

Immaginate, per un attimo, se si fosse trattato di pescatori di una nazionalità diversa dalla nostra. Sarebbe successo un putiferio, se non fatto di bombe, fatto di pressioni internazionali, guerre diplomatiche e financo commerciali.

Poiché sono italiani, peggio, siciliani, niente.

Non bastano più vaghe notizie di vaghi tentativi diplomatici. Le famiglie, i siciliani tutti, gli italiani, se interessati, hanno diritto di sapere cosa si sta facendo per riportare a casa i nostri fratelli pescatori. Non è normale che non si sappia niente, non è normale che non ci sia prova tangibile di un impegno che punti alla loro liberazione.

Cosa dobbiamo pensare?

Forse Palermo e Roma hanno deciso di regalare un bonus vacanza a questi pescatori per fare trascorrere loro un ‘bel Nataleì nelle prigioni libiche?

READ  I pescatori siciliani sono liberi: Conte e Di Maio vanno a riprenderli

Le famiglie, di certo, rimanderebbero volentieri al mittente questo regalo: andateci voi.

Per non dimenticare: a Palermo, a protestare in piazza per la loro liberazione, abbiamo visto solo gli indipendentisti siciliani.

Qui la cronaca della manifestazione. E qui il servizio del Tgr Sicilia.

Gli altri partiti non sono interessati alla questione?

Rispondi

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com