Palermo bella/Villa Costa restituita alla città: presto pronta l’area giochi

Stamattina l’ennesimo sopralluogo del Comune di Palermo che sta lavorando all’area giochi, adesso ripulita dalle macerie e che, a quanto apprendiamo, sarà presto pronta

Lavor

E’ ormai da qualche mese che il Comune ha ‘cacciato’ via i privati che gestivano, a quanto pare non proprio bene,  quell’angolo di verde incastonato tra viale Lazio e viale Brigata Verona conosciuto in città come ‘fondo Terrasi’, e che oggi si chiama Villa Gaetano Costa.  Un’area splendida, con palme, mandarini, piante grasse e prato. Un’oasi in mezzo al cemento che, per fortuna, l’amministrazione comunale, sta curando bene, con operai ogni giorno al lavoro, dopo la parentesi privata e dopo mesi di accesso al pubblico negato a causa del cattivo stato della vegetazione.

Un angolo di Villa Costa

La storia di questo piccolo angolo di paradiso è una storia complessa, come d’altronde lo è quella di Palermo. Una storia in cui non mancano riferimenti alla mafia, ai palazzinari, e ad uomini come Piersanti Mattarella, il presidente della Regione siciliana ucciso nel 1980. Secondo alcuni, la sua strenua difesa di quell’area (del verde pubblico in generale) potrebbe essere una delle cause del suo omicidio. Qui potete leggere una sintesi di questa vicenda.

Tornando ai nostri giorni, la riapertura della villa è stata accolta con entusiasmo dai palermitani che vivo nella zona (e non solo). Un polmone verde in mezzo al cemento, un luogo incantevole dove passeggiare, dove far correre i bambini e godere della natura. Certo non è un parco di grande dimensioni, ma come si suol dire, meglio di niente.

Lavori in corso

Stamattina l’ennesimo sopralluogo del Comune di Palermo che sta lavorando all’area giochi, adesso ripulita dalle macerie e che, a quanto apprendiamo sarà presto pronta. Non è previsto, al momento, uno spazio per i bimbi più piccoli (le classiche giostrine per intenderci), ma non è ancora detta l’ultima parola.  Un’area per i più piccoli al momento c’è a due passi da Villa Costa, ovvero nell’adiacente roseto dedicato a Rosa Balistreri, altro gioiello tenuto bene dal Comune e che sfoggia rose di tutti i tipi (a breve la fioritura). Il problema però è che il parchetto giochi del roseto è molto piccolo: la domenica, o nelle giornate di sole, flotte di bambini inondano il roseto che risulta davvero affollato.

Altro problema è che il roseto è privo di ombra: da maggio in poi è praticamente impossibile fare giocare i bambini sotto il sole cocente. Motivo per cui le mamme della zona sperano che un altro angolo giochi, per i più piccoli, sia previsto all’interno di Villa Costa dove non mancano aree di ombra e spazi più ampi.

l’area giochi del roseto

Giostrine a parte, sia al roseto che all’interno di Villa Costa, manca un’area che ritroviamo in tutti i parchi del mondo: un bel prato dove i bambini (e non solo) possono correre, sdraiarsi, sentire il contatto con l’erba e il suo profumo.

Perché no?

il roseto fiorito

 

 

 

Rispondi