Palermo, il M5S e la questione di feeling….
Editoriale, Politica

Palermo, il M5S e la questione di feeling….


Time Sicilia

Difendersi, era un suo diritto. Lo ha fatto ieri con questo post pubblicato su Facebook e lo ha fatto oggi nel corso di una conferenza stampa dove, però, più che giornalisti c’erano sostenitori che si sono spellati le mani in applausi.

Ugo Forello, candidato sindaco del M5S, stamattina a Palermo, ha declamato la sua arringa passando al contrattacco. Il caso, come sappiamo, è quello dell’audio circolato sul web da cui emerge uno spaccato scandaloso sul mondo di quelli che Attilio Bolozoni, ieri su Repubblica, ha definito “imprenditori dell’antiracket”,  e sulle loro presunte manovre per appropriarsi del movimento (ve ne abbiamo parlato qui).

Sono cose vere? Cose non vere?

Forello rimanda tutto al mittente: “Si tratta di un tentativo di delegittimazione che viene dall’esterno del Movimento. Chi lo ha registrato è fuori dal gruppo parlamentare e, quasi certamente, non tornerà più a farne parte. Si tratta di deputati che sono entrati nel gruppo misto. Sono stati travalicati principi etici. Non querelerò il giornalista Andrea Cottone ma procederò con querela nei confronti di chiunque abbia distribuito e reso pubblico un file captato in maniera illecita”.

Si dice anche sicuro “dell’appoggio di Grillo e della compattezza del movimento”. Sulla prima non abbiamo motivo di dubitare: dai vertici del M5S non è arrivata la scomunica (e nemmeno, a dire il vero,  un post di benedizione di Grillo). Ma sulla compattezza del movimento i dubbi restano tutti.

Tra un applauso e un altro, Forello si è anche detto certo di arrivare al ballottaggio. Che quanto accaduto non inciderà sulla scelta dei palermitani.

Certamente non è da sottovalutare la forza di quegli elettori che votano M5S a prescindere da tutto. E certamente non è da sottovalutare la voglia di cambiare.

Ma la sensazione è che il caso non sarà presto dimenticato. E che quella questione di feeling su cui poteva contare il M5S, a Palermo, possa trasformarsi in un mero ricordo.

Il M5S e la trappola degli infiltrati: i grillini usati per fare da taxi?

11 maggio 2017

Autore

TimeSicilia


Rispondi

Seguici su Twitter
Chi Siamo

Giornale online diretto
da Giulio Ambrosetti

vice direttore
Antonella Sferrazza

timesicilia@gmail.com

Powered by GianBo