Palermo tra senza casa e ragazzine-prostitute nigeriane. Nino Rocca: “La sinistra dov’è?”
In Evidenza, News, Primo Piano

Palermo tra senza casa e ragazzine-prostitute nigeriane. Nino Rocca: “La sinistra dov’è?”


Time Sicilia

Un uomo che, da sempre, lotta per il riscatto dei più deboli – parliamo di Nino Rocca – sulla propria pagina facebook chiede alla Giunta comunale di Leoluca Orlando conto e ragione del perché, in cinque anni, i senza tetto, invece di diminuire, sono aumentati. Chiede inoltre cosa si sta facendo per combattere la piaga delle ragazzine-prostitute nigeriane. E si chiede se alle elezioni regionali…

Indro Montanelli diceva che la Sinistra italiana era così innamorata dei poveri che, quando governava, faceva il modo che il loro numero aumentasse. A quanto pare funziona così per i senza casa di Palermo, se è vero che, da quando al governo della città è tornato Leoluca Orlando con le sue amministrazioni di ‘sinistra’, le cose, per chi non ha un tetto dove vivere, invece di migliorare sono peggiorate.

A dirlo non siamo noi, ma una persona che, da anni, si occupa dei senza casa di Palermo: Nino Rocca. Che sulla propria pagina facebook scrive:

“16 anni di lotta per casa con le famiglie rimaste senza alloggio, devastate dall’onda lunga della povertà. Nei dieci anni di Cammarata (Diego Cammarata, sindaco di Palermo dal 2001 al 2011 ndr) sapevamo che sarebbe stata dura, eppure abbiamo ottenuto che i beni confiscati fossero destinati anche alle famiglie senza casa, abbiamo proposto un regolamento che è stato approvato al Consiglio comunale, abbiamo ottenuto, attraverso lotte sociali con le famiglie e con uno sparuto numero di attivisti sociali e qualche sponda in Consiglio comunale, più di 150 appartamenti per le famiglie povere”

E oggi? Oggi Nino Rocca chiede: “La sinistra DOV’E’?”.

Già, dov’è la sinistra di Palermo?

“Al termine dei 10 anni le famiglie iscritte nella lista di emergenza erano 800 (il riferimento dovrebbe essere ai 10 anni delle amministrazioni comunali di Diego Cammarata). Poi, con il CENTRO-‘SINISTRA’ abbiamo sperato che la lotta contro la esclusione sociale avesse finalmente un accelerazione e che le 800 famiglie scomparissero dalla lista di emergenza e che le 200 famiglie che avevano occupato un immobile abbandonato avessero una vera casa. E invece?”.

“Al termine dei cinque anni – scrive sempre Nino Rocca a proposito dei cinque anni della Giunta di Leoluca Orlando – le famiglie nella lista di emergenza sono diventate 2000 e le famiglie che hanno occupato un immobile pubblico abbandonato sono diventate 600! Allora ci siamo chiesti: la ‘SINISTRA’, ad eccezione di qualche consigliere, DOV’E’?”.

“Ci siamo trovati a combattere contro un MURO DI GOMMA! – scrive sempre Nino Rocca -. Poi abbiamo capito dai risultati dell’astensionismo che quasi il 50% degli elettori non sono andati a votare e che la rappresentanza degli esclusi era tra quel 50% !”.

Altro tema: le prostitute nigeriane che a Palermo sono diventate – chissà per chi – un grande affare:

“Sei anni di lotta a favore delle donne e ragazzine nigeriane vittime di tratta ci siamo chiesti ma la sinistra DOV’E’? Nel 2013 erano arrivate a Lampedusa con i barconi e costrette poi alla prostituzione 434 ragazze di cui la maggior parte minorenni. Nel 2015 il numero di ragazzine sale a 5.500. Nel 2016 il numero delle ragazzine arriva, sino ad ottobre, a 11.406. Una grande percentuale, oltre il 60-70%, di ragazzine nigeriane affidate alle comunità per minori scappa e finisce nelle mani delle maman che le avviano alla prostituzione”.

“L’associazione ‘donne di Benin City’ costituite da donne nigeriane ex vittime della tratta si chiede: ma la sinistra e tutti coloro che lottano contro la tratta cosa stanno facendo? Ci chiediamo allora, questa sinistra, costituita da persone intelligenti, oneste, che dice di lottare contro l’esclusione sociale dentro le istituzioni, nei partiti o nelle associazioni in che modo sta rappresentando gli esclusi sociali, le nuove schiavitù e la lunga schiera di disoccupati o sottoccupati?”.

“E lo diciamo in riferimento alle lotte sociali che giornalmente esigono l’impegno della sinistra per le strade delle città! Oggi a Palermo ci ritroviamo con il modello vincente del 50% di coloro che sono andati a votare: ci dobbiamo aspettare un altro muro di gomma come nei 5 anni precedenti?”.

Quindi un interrogativo:

“E per le nuove liste regionali questo modello vincente rappresenterà gli esclusi sociali che molto probabilmente non andranno a votare?”.

P.S.

In compenso – questo è quello che appare – Palermo è una città ‘accogliente’ (che cosa succede alle minorenni ‘accolte’ conta meno…). E se non ci sono soldi e case per i senza tetto, c’è un Tram che gira a vuoto per la maggior parte della giornata che è costato oltre 320 milioni di euro (più di 20 milioni di euro al km senza gallerie!). E sono in arrivo altre centinaia di milioni di euro non per i più poveri, ma per altri appalti ferroviari che continueranno a incasinare la città per la ‘gioia’ di affaristi & politici. La ‘sinistra’… 

30 luglio 2017

Autore

TimeSicilia


Rispondi

Seguici su Twitter
Chi Siamo

Giornale online diretto
da Giulio Ambrosetti

vice direttore
Antonella Sferrazza

timesicilia@gmail.com

Powered by GianBo