Quanti cani randagi vengono avvelenati ogni giorno nel Sud Italia? Un VIDEO racconta un’amara verità
In Evidenza, News, Primo Piano

Quanti cani randagi vengono avvelenati ogni giorno nel Sud Italia? Un VIDEO racconta un’amara verità


Time Sicilia

“Chi sono io non ha importanza. Sono un comune cittadino”. Così si esprime in un video Antonio Borrello, che denuncia i tanti, troppi avvelenamenti di cani randagi che, ogni giorno, si verificano nei grandi e nei piccoli centri del Mezzogiorno d’Italia. L’appello lanciato alle autorità e ai comuni cittadini: insomma, a tutte le persone che amano gli animali  

Cosa si fa per bloccare gli avvelenamenti dei cani randagi nel Sud Italia? Un video accende i riflettori su un problema che meriterebbe maggiore attenzione da parte delle autorità.

Con parole semplici – e forse anche un po’ ‘crude’ – Antonio Borrello fa il punto della situazione (QUI IL VIDEO). Parole che stanno riscuotendo grande attenzione sulla rete.

Ieri Antonio Borrello ha scritto sulla propria pagina facebook:

“il mio video di ieri su i randagi del Sud ha scatenato un putiferio, ho ricevuto decine di telefonate e centinaia di messaggi da dove si evince che il problema è piu’ grave di quanti tutti voi potete immaginare. Non c’è nessun giornalista, nessuna televisione privata o pubblica che abbia le palle di parlarne, c’è paura da parte di tutti, anche i politici fanno lo stesso, tutti fanno finta che il problema non esiste… dovremo fare tutto da soli ma che nessuno pensi di arrendersi o mollare o sara’ un’ecatombe di randagi…

quello che non mi aspettavo erano gli attacchi di qualche animalista e la grande delusione la poca presenza di animalisti Siciliani … mah…

gli essere umani sono di difficile comprensione per questo preferisco gli animali…

adesso vado a cuccia domani vedremo come continuare a combattere il sistema marcio e corrotto delle amministrazioni del sud…

HO CERCATO CONTATTI CON IL MOVIMENTO 5 STELLE MA,NON HO RICEVUTO NESSUNA RISPOSTA——-DELUSIONE GRANDEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE…BUONA NOTTE…!”.

Su segnalazione di Giulia Petrucci 

12 settembre 2017

Autore

TimeSicilia


Rispondi

Seguici su Twitter
Chi Siamo

Giornale online diretto
da Giulio Ambrosetti

vice direttore
Antonella Sferrazza

timesicilia@gmail.com

Powered by GianBo