Sanità, l’accusa: “Lo Stato sta uccidendo i Siciliani: ecco le prove”

Con numeri e tabelle ISTAT il movimento Siciliani Liberi dimostra come l’impegno dei Governi italiani in tema di servizi sanitari si sia talmente ridotto da fare pensare ad “un genocidio premeditato”

Dell’esistenza di una questione meridionale anche nel delicatissimo settore della Sanità pubblica e della discutibile reazione del Governo siciliano dinnanzi ai tagli annunciati alla rete ospedaliera, vi abbiamo parlato ieri, in questo articolo. Oggi, vi parliamo nel dettaglio, della questione siciliana sempre in tema di servizi sanitari.

Lo facciamo proponendovi un’analisi del movimento indipendentista Siciliani Liberi che, senza giri di parole, accusa lo Stato italiano di “genocidio”. Vale la pena ricordare che il leader di questa formazione politica è un economista, il professor Massimo Costa. Ed, infatti, l’analisi si basa su numeri e tabelle ISTAT.

Qui potete leggerla integralmente. 

 

Rispondi