Siracusa capitale mondiale della Canoa Polo

Fino al 4 Settembre, nella splendida cornice di Siracusa, si sfideranno oltre 700 atleti arrivati da 28 Paesi per i mondiali di questo sport spettacolare

La notizia è un po’ trascurata. Soprattutto dai media nazionali. Ma la meravigliosa Siracusa, in questi giorni è al centro del mondo sportivo: fino al 4 Settembre, infatti, ospita il Campionato del Mondo di Canoa Polo.

E’ uno sport non molto noto al grande pubblico, ma certamente spettacolare. Uno sport di squadra che si svolge in acqua con la palla. È un gioco simile per alcuni aspetti alla pallanuoto, dove i giocatori (5 in campo e 3 in panchina) si muovono su canoe.

La cerimonia d’inaugurazione, lunedì sera, è stata suggestiva con gli oltre 700 atleti che rappresentano le 28 Nazioni in gara che hanno sfilato da piazzale Marconi fino all’arena allestita a ridosso dei due ponti di Ortigia. Migliaia di persone hanno assistito all’evento.cerimonia-caona-polo-.-siracusatimes

A portare la bandiera italiana, sei campioni siracusani: il commissario tecnico della Nazionale di pallanuoto, Sandro Campagna, e con lui l’attaccante del Settebello, Valentino Gallo, entrambi reduci dal bronzo all’Olimpiade di Rio; l’ex primatista di immersione in apnea Patrizia Maiorca; il fiorettista Stefano Barrera; il pattinatore Pippo Cantarella; il pugile Salvatore Melluzzo.

“Rispetto a due anni fa, l’avvicinamento a questo mondiale è molto più consapevole – spiega Andrea Bertelloni, talento azzurro nel giro della formazione senior dal 2011 e neocampione d’Italia con il Chiavari – il fatto di giocare in casa evita qualsiasi problema logistico. Non c’è la necessità di ambientarsi e questo ci dà serenità. E’chiaro che le aspettative nei nostri confronti sono importanti ma siamo pronti; la cosa fondamentale sarà quella di giocare bene, di dare il massimo e di non avere rimpianti; è chiaro che qui a Siracusa non scenderemo in campo solo per partecipare ma dobbiamo tener conto, ovviamente, anche degli avversari. Francia, Germania, Spagna e Olanda sono sicuramente tra le più quotate per la vittoria finale ma anche il resto delle partecipanti non ci renderanno la vita facile. Australia e Nuova Zelanda ad esempio, ma anche il Canada non saranno avversarie semplici da affrontare”.

“Arriviamo a Siracusa con la consapevolezza di essere squadra compatta. E sicuramente non ci accontenteremo semplicemente di partecipare – dice Roberta Catania, atleta di punta della nazionale senior femminile e portacolori delle campionesse italiane della Polisportiva Canottieri Catania – rispetto al 2014 abbiamo perso in campo una giocatrice importante come Francesca Ciancio, ritrovandola però in qualità di allenatrice; e il fatto che abbia messo a nostra disposizione tutta la sua esperienza ci aiuta in maniera importante anche al di fuori del campo di gara. Dallo scorso anno, digerito il settimo posto mondiale ottenuto nel 2014, è partito un progetto nuovo con una formazione composta per metà da senatrici e per l’altra metà da giovani under 21. La Germania rimane la nazionale da battere ma siamo consapevoli del nostro valore e il fatto di giocare in casa ci galvanizza ulteriormente. Il pubblico a Siracusa può essere la nostra arma in più per dare ulteriore qualità al nostro modo di giocare”.

Questo il sito ufficiale dove potrete seguire la competizione.

Rispondi