Letti e riletti/ Perché l’Aiace di Sofocle oggi è più che mai attuale