migranti

Il ‘caso’ della nave ‘Diciotti’ e Salvini: sinistra e Chiesa di Papa Francesco sono dilettanti allo sbaraglio!

Ma ci vuole veramente tanto per capire che, a causa della gestione dissennata dei migranti (i centri di accoglienza per fare guadagnare una barca di soldi alle cooperative che li gestiscono), in Italia si è creato un ‘confitto orizzontale’ tra poveri del nostro Paese e migranti? In questi casi non ci si schiera, perché si perde l’appoggio di una delle due parti!

Migranti: fermiamo le guerre, eliminiamo la povertà e la migrazione cesserà

Nella storia dell’uomo le migrazioni ci sono sempre state. Tra l’800 e il ‘900 un milione di europei emigrava ogni anno nelle Americhe. La lotta alla povertà ha interrotto questo grande flusso umano. Andò così anche in Albania: nel 1991, caduto il regime comunista, in migliaia arrivarono in Puglia. Oggi la grande migrazione si fermerà eliminando guerre e povertà dall’Africa

Lo sapevate che 500 mila brasiliani hanno chiesto e in buona parte ottenuto la cittadinanza italiana?

Ci si preoccupa dei migranti che arrivano con le ONG dal mare. Ma nessuno pone attenzione al fatto che 300 mila brasiliani di origine italiana hanno già ottenuto la cittadinanza nel nostro Paese. E altri 200 mia circa stanno per ottenerla. Sono i discendenti degli italiani che, tra la fine dell’800 e il 1960, emigrarono in Brasile. Figli e nipoti che, in buona parte, potrebbero tornare in Italia

Anche a Capodanno Papa Francesco si occupa dei migranti. E i 13 milioni di italiani poveri?

Ma c’è di più. In queste continue prediche del Pontefice in favore dei migranti non si possono certo ignorare i grandi interessi che stanno dietro l’accoglienza: interessi ai quali non è certo estranea una parte del mondo cattolico. E poi c’è la parte, come dire?, più fastidiosa: la coincidenza tra solidarietà ai migranti e interessi delle multinazionali

Migranti e Ong: ecco chi c’è dietro la Jugend Rettet

La componente ideologica che anima l’equipaggio della Jugend Rettet non è minore a quella, seppur antitetica, di un’altra nave che in questi giorni sta solcando le acque del Mediterraneo. Quella di Generazione Identitaria, la cui crew punta a contrastare le ong e a impedire ai migranti di raggiungere l’Europa proprio per evitare contaminazioni culturali.

Sui migranti l’Italia rischia di affondare. E la prima Regione che affonderà sarà la Sicilia

L’idea che l’Italia possa ospitare tutti i migranti in arrivo dal Mediterraneo è una follia. Di questo caos dobbiamo ringraziare la Germania, che ha imposto l’accordo tra Unione Europea e Turchia (pagato fior di quattrini anche dagli italiani!). Così i migranti che non entrano più nell’area UE dalla Turchia arrivano tutti in Italia, passando nell’80-90% dei casi dalla Sicilia. La situazione va diventando sempre più esplosiva, perché di mezzo ci sono anche problemi di terrorismo

Ma quale salvataggio di INPS e pensioni: l’ondata di migranti finirà di affossare definitivamente l’Italia

I migranti che arrivano in Italia non tengono in piedi il nostro sistema pensionistico: semmai tengono in piedi un presente traballante che annuncia una catastrofe, perché tra qualche anno bisognerà pagare le pensioni a una platea maggiore di persone. Quello che l’attuale politica non dice è che i migranti, quest’anno, costeranno all’Italia 4 miliardi e 200 milioni di euro (e forse di più se gli sbarchi continueranno a questi ritmi). A tali costi vanno sommanti altri 4 miliardi di euro di assistenza sanitaria, 2 miliardi di euro per i costi relativi ai detenuti stranieri (che sono il 35% del totale) e 3 miliardi di euro di prestazioni pensionistiche che l’Italia paga già