Vania Contraffatto

Raccolta e trattamento dei Rifiuti Solidi Urbani: Palermo, Agrigento, Siracusa, Catania e Messina agli ultimi posti

I dati sono stati resi noti dal dossier ‘Ecosistema urbano’ di Legambiente. Immondizia per le strade e speculazioni di ogni genere. Ma per l’assessore regionale con delega alla gestione dei rifiuti, Vania Contraffatto, tutto va bene. Contenta lei… Il problema della discarica di Bellolampo che, tra qualche mese, sarà satura. E Per Palermo potrebbero essere guai seri

La Regione taglia soldi a Comuni, ex Province e sanità e poi sponsorizza una kermesse sull’acqua di Israele contro i palestinesi

La Regione siciliana non finisce mai di stupire. Mentre in queste ore crescono le proteste dei cittadini per gli incredibili tagli alla sanità, mentre i Comuni della nostra isola continuano a fallire, mentre le ex Province non hanno i soldi per pagare gli stipendi (gli stipendi!) ai propri dipendenti, il presidente Crocetta e l’assessore Vania Contraffatto non hanno trovato di meglio che andare a patrocinare una manifestazione sull’acqua, a Venezia (viaggio e soggiorno per tutti…), organizzata da Israele: un Paese che, come denunciano alcune organizzazioni internazionali, scippa l’acqua ai palestinesi!

Gestione dei Rifiuti, la Sicilia sempre più nel caos

Si sono dimessi i due commissari straordinari dell’ATO PALERMO 1, subito sostituiti da un terzo commissario. L’UGL siciliana incalza il Governo. Ma ha poco da incalzare, perché come ha scritto questo giornale, la Regione siciliana, ancora oggi, non ha un Piano rifiuti, ma solo un Piano emergenziale (che non è un Piano rifiuti!) privo di Valutazione Ambientale Strategica (VAS)

Inchiesta sui rifiuti/ Il Piano che non c’è e la bufala sugli otto termovalorizzatori

Le notizie lette qua e là in questi giorni (notevole l’aggiornamento di un Piano regionale dei rifiuti che non è vigente!) ci hanno convinto a fare il punto della situazione. Proviamo a raccontare la Rifiuti-story della Sicilia a partire dal 1997 ai nostri giorni, dal Decreto Ronchi al Governo Capodicasa, da Governo Cuffaro al Governo Lombardo. Fino a Crocetta. E’ incredibile constatare che, da allora ad oggi, non è cambiato quasi nulla. E qual poco che è cambiato, è cambiato in peggio