Il terremoto Girgenti Acque: 73 avvisi di garanzia per deputati, ex deputati, avvocati, dirigenti pubblici, giornalisti e perfino per un Prefetto!
In Evidenza, Politica, Primo Piano

Il terremoto Girgenti Acque: 73 avvisi di garanzia per deputati, ex deputati, avvocati, dirigenti pubblici, giornalisti e perfino per un Prefetto!


Time Sicilia

Pubblichiamo questo articolo che Salvatore ‘Totò’ Petrotto firma in prima persona perché, queste ed altre cose, le ha denunciate quando ricopriva l’incarico di sindaco di Racalmuto. Denunce pesanti come macigni, e sue, sulla gestione di acqua e rifiuti. Sull’acqua – per la precisione su Girgenti Acqua – comincia ad emergere la verità. Detto questo, precisiamo che, in questa fase, si tratta di ipotesi di reato

di Salvatore Petrotto

Due giorni fa, a proposito di Girgenti Acque, la società che gestisce il servizio idrico in poco più della metà dei Comuni dell’Agrigentino – con Agrigento-città in testa – abbiamo previsto l’esplosione di un vero e proprio putiferio giudiziario chiamandolo scruscio di catini (QUI L’ARTICOLO DI DUE GIORNI FA). Oggi i fatti ci stanno dando ragione. In questo caso, è doveroso dirlo: ‘tanto tuonò che piovve’.

Si tratta di una pioggia di avvisi di garanzia, 73 per l’esattezza, per associazione a delinquere, corruzione, truffa, riciclaggio e false comunicazioni sociali.

L’intera vicenda politico-giudiziaria ci ricorda tanto un vecchio film, tratto dal libro Il Contesto, scritto negli anni Settanta dal mio concittadino Leonardo Sciascia, girato in parte anche ad Agrigento ed il cui titolo è Cadaveri eccellenti.

Nel nostro caso di eccellenti ci sono i personaggi indagati.

Oltre al padre del ministro degli Esteri Angelino Alfano, e sua Eccellenza il Prefetto di Agrigento, Nicola Diomede, sono stati raggiunti da avvisi di garanzia anche l’ex presidente della Regione, Raffaele Lombardo, due ex presidenti della Provincia regionale di Agrigento, Eugenio D’Orsi e Vincenzo Fontana, alcuni parlamentari agrigentini, quali Riccardo Gallo di Forza Italia ed Angelo Capodicasa, ex PD, oggi esponente di Liberi e Uguali e uno dei principali supporters politici di Claudio Fava, alle scorse elezioni regionali.

Poi ci sono da annoverare il presidente dell’Autorità Nazionale Antitrust, Giovanni Pitruzzella e l’ex presidente del Consiglio di Giustizia Amministrativa della Regione Sicilia (l’equivalente del Consiglio di Stato), Raffaele De Lipsis.

Certo che non c’è che dire!

Quelli di Girgenti Acque non si sono fatti mancare tutti quanti gli uomini giusti, nei posti giusti, per favorire ed incanalare correttamente di tutto e di più, tranne i liquami fognari che continuano a spargere ovunque e l’acqua che gli agrigentini la vedono solo col contagocce.

La storia è nota a tutti!

E’ la solita storia sbagliata, della provincia più assetata d’Italia, dove nelle tubature scorre solo aria che viene spacciata per acqua e venduta a caro prezzo: oltre 3 euro a metro cubo: cinque volte in più di quanto costa a Milano!

E’ la provincia dove non esiste un depuratore che funziona, ma si fa pagare illegalmente la depurazione!

E’ Agrigento, signori, la terra dove da qualche decennio il potere con la P maiuscola puzza nel vero senso della parola! Si tratta della puzza dell’onnipresente munnizza, sparsa ovunque; è la puzza delle pestifere esalazioni dei liquami fognari che inquinano quasi tutti i torrenti ed i mari agrigentini.

E’ la lurdìa materiale, l’unico prodotto finito a cui alcune sette e fazioni politiche trasversali lavorano da tempo; ci riferiamo a tutta quanta quella munnizza istituzionale, in giacca e cravatta, che siede anche nelle aule parlamentari. L’unico risultato di questa fitinzìa istituzionale sono stati quei 400 posti di lavoro fantasma e mal pagati assicurati da Girgenti Acque, a colpi di favori, voto di scambio, ruberie e malversazioni di ogni genere, ai danni di cittadini, imprese e Comuni.

Questa schifosissima puzza del potere, nell’Agrigentino, ci costa qualche centinaio di milioni di euro l’anno per un malaffare che ruota, sostanzialmente, attorno all’illegale gestione dell’acqua, dei liquami fognari e della munnizza!

Stavolta la Procura ed il Tribunale di Agrigento stanno facendo davvero sul serio! Ed anche le persone indagate sono di grande spessore. Anche se ancora non conosciamo, sino in fondo, il livello del loro eventuale spessore criminale.

Il lungo elenco degli indagati comprende anche numerosi avvocati, giornalisti e, naturalmente, i vertici e gli ex amministratori di Girgenti Acque, con in testa il suo presidente, azionista di maggioranza e legale rappresentante, Marco Campione, già condannato nel 2012, in via definitiva, a 10 mesi di reclusione, per reati contro la Pubblica Amministrazione. Poi c’è da ricordare il suo fac totum, Pietro Arnone, fratello di Giuseppe, noto avvocato ed ex presidente regionale di Legambiente, nonché ex amministratore delegato sempre della stessa società, Giuseppe Giuffrida, anch’egli già condannato, nel 2016, in via definitiva, ad un anno ed 8 mesi per peculato, truffa ed altro ancora.

Il procuratore della Repubblica di Agrigento, Luigi Patronaggio ed i pubblici ministeri, Paola Vetro ed Alessandro Vella, dopo che in questi giorni avevano disposto delle accurate perquisizioni presso la sede di Girgenti Acque, e le abitazioni di alcuni degli indagati effettuati da Carabinieri e Guardia di Finanza, hanno adesso notificato questi 73 provvedimento di proroga delle indagini. Essi riguardano anche l’ex direttore dell’INPS, Gerlando Piro, ed attuale direttore provinciale della Ragioneria Territoriale dello Stato di Agrigento del Ministero dell’Economia e Finanze.

Per una questione di correttezza professionale, oltre che umana e per ristabilire determinate verità vogliamo, in questa circostanza, ricordare che Calogero Piro, figlio dell’ex direttore dell’INPS è stato assunto da Girgenti Acque, mentre la società di Campione aveva un contenzioso in corso col padre, quando ancora era direttore, per un mancato versamento, proprio all’INPS, di oltre 5 milioni di euro di contributi previdenziali; ricorso peraltro ancora pendente.

Per avere menzionato questa storia della famiglia Piro, che adesso è diventata una vicenda giudiziaria di palmare evidenza, il sottoscritto è stato querelato, ritengo del tutto ingiustamente, per diffamazione, dal Piro padre. Tale procedimento, che mi riguarda, è ancora pendente davanti al giudice per le udienze preliminari del tribunale di Agrigento.

Insomma, nel fare questo nome non avevo preso una cantonata!

Per la verità buona parte dell’elenco delle persone adesso indagate e dei loro 400 e passa ‘raccomandati’ per motivi affaristici e politico-clientelari, che lavorano dentro Girgenti Acque, era stato pubblicato qualche anno fa dal periodico agrigentino Primo Piano News, dell’editore Giuseppe Deni, col quale collaboravo anch’io. In questa articolata inchiesta giudiziaria ricompare tra gli altri anche il nome di Alfonso Leto, ex direttore dell’Agenzia delle Entrate di Agrigento. Il Leto era stato già arrestato a seguito di una precedente inchiesta per una vicenda relativa all’assunzione della figlia sempre dentro Girgenti Acque, in cambio di sgravi fiscali.

Grosso modo la prassi consolidata per lavorare dentro Girgenti Acque è stata sempre la stessa: posti in cambio di favori più o meno leciti.

Gli interlocutori dei vari Giuffrida, Campione & company sono stati anche, come detto, vari parlamentari, i cui nomi, nelle vesti per così dire di ‘raccomandatori’ di clientes, erano stati pubblicati sempre in quel nostro corposo elenco di Primo Piano News, in cui comparivano, tra gli altri, i nomi di molti degli odierni indagati.

Sulla posizione del prefetto di Agrigento, il pugliese Nicola Diomede, già capo della segreteria politica del ministro Alfano, prima della sua investitura a prefetto di Agrigento, abbiamo scritto abbastanza. Ma ci ritorneremo in seguito.

E non ci riferiamo solo alle sue sviste, per così dire istituzionali, relative alla gestione di una società, Girgenti Acque, le cui illegalità avrebbero dovuto essere sanzionate anche dal massimo organo di Governo del nostro territorio, rappresentato proprio dal Diomede che è adesso indagato assieme al padre del ministro che l’ha nominato prefetto.

Sugli avvocati ed i giornalisti coinvolti, per delle sospette assunzioni dentro questa società, e per tanto altro ancora, basta citare ciò che ha avuto modo di dire, nel 2015, l’ex procuratore aggiunto di Agrigento, Ignazio Fonzo, quando, davanti ad una commissioni parlamentare nazionale d’inchiesta, ha definito Girgenti Acque un vero e proprio assumificio.

Cosa aggiungere…

Ricordo che chi scrive è stato bersagliato con querele intimidatorie, denunce tendenziose ed attività delatorie per anni, da alcuni degli appartenenti a questa, per ora presunta, associazione a delinquere, da me denunciati prima nella qualità di sindaco di Racalmuto e poi di blogger, esattamente dal 2008 ad oggi.

Solo adesso sto riuscendo a spiegarmi il perché, dopo una mia dettagliata denuncia presentata presso la Procura della Repubblica di Agrigento, risalente a febbraio del 2011 e resa di dominio pubblico nei mesi successivi, riguardante proprio l’illegale gestione di acqua e rifiuti nell’Agrigentino, Nicola Diomede, allora vice prefetto di Agrigento, ora indagato per associazione a delinquere e tanto altro ancora, esattamente nel 2012, ha di fatto consegnato la mia testa al ministro Alfano.

E’ sua infatti la relazione che ha confezionato, nel corso di un’indagine ispettiva, da cui si è partiti per fare sciogliere per delle ingiuste ed inesistenti infiltrazioni mafiose il Comune di Racalmuto che avevo amministrato, sino a giugno del 2011. Subito dopo quel provvedimento il ministro Alfano ha condotto per mano e premiato il Diomede, prima facendolo diventare capo della sua segreteria politica romana, poi lo ha messo a capo della terna dei commissari che hanno amministrato il Comune di Salemi, dopo lo scioglimento per mafia subìto da Vittorio Sgarbi, lo stesso giorno che hanno sciolto Racalmuto.

Dulcis in fundo, per lui, è arrivata, poi, la nomina di Prefetto di Agrigento. E’ in quel periodo che inizia il tiro a bersaglio nei miei confronti da parte di uomini dello Stato, avvocati e funzionari pubblici, oggi tutti quanti sotto inchiesta.

Ciò che mi ha addolorato ulteriormente sono state le varie operazioni fango ordite contro di me, da parte di alcuni giornalisti adesso indagati, e facenti parte anch’essi di questa presunta associazione a delinquere.

Questi ed altri soggetti si sono sbizzarriti a più non posso contro di me, infangando la mia persona e la mia attività istituzionale di sindaco, attraverso delle strumentali campagne di stampa, del tutto denigratorie e partite, guarda caso, come un congegno ad orologeria, allorquando io ho denunciato in Procura le illegalità che riguardano proprio Girgenti Acque.

Ecco chi sono tutti i protagonisti di questo affaire Girgenti Acque che, in quasi dieci anni, ha prodotto solo truffe, assunzioni di comodo ed inquinamento a più non posso, oltre che le tariffe idriche che sono il triplo della media nazionale.

A seguire potete leggere la carrellata di tutti quanti i 73 nomi degli indagati, più o meno in ordine di importanza.

In primis, come già detto ci sono:

il prefetto di Agrigento Nicola Diomede, il padre del ministro degli Esteri Angelino Alfano, l’ex presidente della Regione, Raffaele Lombardo, i parlamentare Riccardo Gallo, l’ex deputato regionale e già sindaco di Bivona, Giovanni Panepinto, Vincenzo Fontana (ex parlamentare nazionale e regionale ed ex presidente della Provincia regionale di Agrigento, uomo di Alfano), Angelo Capodicasa, già Presidente della Regione Sicilia e Parlamentare regionale e nazionale di lungo corso, ex PD, ora vicino o dentro a Liberi e Uguali), oltre ai vertici di Girgenti Acque.

E ancora:

Marco Campione (presidente ed azionista di maggioranza di Girgenti Acque), Giuseppe Giuffrida (ex amministratore delegato di Girgenti Acque), Giovanni Pitruzzella (presidente dell’Autorià nazionale Antitrust), Gerlando Piro (ex direttore dell’INPS ed attuale direttore provinciale della Ragioneria Territoriale dello Stato di Agrigento del Ministero dell’Economia e Finanze), Pietro Pasquale Leto (ex direttore dell’Agenzia delle Entrate di Agrigento), Alfonso Bugea, Salvatore Aiola, Giacomo Antronaco, Silvio Apostoli, Giuseppe Arcuri, Pietro Arnone (fratello dell’avvocato Giuseppe Arnone, ex presidente regionale di Legambiente), Bernardo Barone ( già direttore generale della ex Provincia Regionale di Agrigento e direttore dell’ATO idrico), Filippo Caci (nota eminenza grigia della politica empedoclina), Giuseppe Carlino (già azionista ed amministratore di Girgenti Acque), Lelio Castaldo, Francesco Castaldo, Giovanni Caucci, Vincenzo Corbo (ex sindaco di Canicattì), Salvatore Cossu, Piero Angelo Cutaia, Antonio D’Amico, Domenico D’Amico, Angelo Lombardo, Luigi D’Amico, Carmelo Dante, Igino Della Volpe, Leonardo Di Mauro, Pietro Di Vincenzo, Salvatore Fanara, Arnaldo Faro (avvocato), Filippo Rosario Franco, Salvatore Gabriele, Diego Galluzzo (avvocato e componente del consiglio di amministrazione di Girgenti Acque), Calogerino Giambrone. Gerlando Gibilaro, Giuseppe Giuffrida, (un altro Giuseppe Giuffrida), Flavio Gucciardino, Ignazio La Porta, Francesco Paolo Lupo, Maria Rosaria Macaluso (responsabile legale di Girgenti Acque), Piero Macedonio (ex assessore provinciale), Giuseppe Marchese, Giuseppe Milano (dirigente dell’ex Provincia Regionale), Calogero Patti, Giuseppe Pitruzzella, Gian Domenico Ponzo (direttore generale di Girgenti Acque), Vincenzo Puzzo, Fulvio Riccio (consulente tecnico dell’ATO e ed ora dell’ATI (Ambito Territoriale Idrico) per la formulazione delle tariffe del servizio idrico e fognario) , Raffaele De Lipsis (ex presidente del Consiglio di Giustizia Amministrativa), Giancarlo Rosato, Antonino Saitta, Luca Cristian Salvato, Giuseppe Maria Scozzari (avvocato, ex consigliere di amministrazione di Girgenti Acque ed ex parlamentare nazionale), Carlo Sorci, Alberto Sorrentino, Gioacchino Michele Termini, Emanuele Terrana, Maria Terrana, Giuseppe Maria Saverio Valenza, Carmelo Vella, Rino Vella, Calogero Vinti, Roberto Violante (Comandante della Stazione dei Carabinieri di Realmonte).

Da leggere anche:

Agrigento, Marco Campione candidato alle elezioni politiche nella lista di Forza Italia?

 

Giuseppe Arnone fa nomi dei politici agrigentini che avrebbero ‘pilotato’ le assunzioni a Girgenti Acque

18 gennaio 2018

Autore

TimeSicilia


Rispondi

Seguici su Twitter
Chi Siamo

Giornale online diretto
da Giulio Ambrosetti

vice direttore
Antonella Sferrazza

timesicilia@gmail.com

Powered by GianBo