Ugo Forello sul Tram a Palermo: “No al Tram in via Libertà”
In Evidenza, Politica, Primo Piano

Ugo Forello sul Tram a Palermo: “No al Tram in via Libertà”


Time Sicilia

Il candidato sindaco di Palermo del Movimento 5 Stelle, Ugo Forello, si schiera contro la follia del Tram in via Libertà. Non solo. Dice anche che la ZTL va rivista. Va realizzata in accordo e non contro i cittadini. E, soprattutto, non può essere di grandi estensioni come quella introdotta dall’attuale Amministrazione comunale uscente di Leoluca Orlando

Il candidato sindaco di Palermo del Movimento 5 Stelle, Ugo Forello, con grande coraggio, ha affermato che lui non è d’accordo sul Tram in via Libertà. In un’intervista al quotidiano on line, Live Sicilia, a proposito del Tram in via Libertà – idea folle del sindaco di Palermo uscente, Leoluca Orlando, e di chi gli va ancora dietro – afferma:

“Non lo realizzeremo, è un’oscenità realizzarlo in una delle vie più belle di Palermo”.

Questa è una bella notizia. E Forello comincia a starci simpatico.

Anche sulla ZTL (Zona a Traffico Limitato) che l’Amministrazione comunale ha imposto contro il parare di tanti cittadini, la posizione di Forello è condivisibile.

La ZTL, questo il ragionamento del candidato sindaco di Palermo dei grillini “è stata realizzata male, calandola dall’alto e modificandola diverse volte. Il problema non è sospenderla, ma migliorare la ZTL attuale per farla diventare un’occasione per cittadini e commercianti, come succede in tutta Europa”.

A questo punto, altre due considerazioni che ci vedono d’accordo con lui.

Siamo d’accordo con Forello quando dice che in una scelta così importante per una città vanno coinvolti i cittadini. L’esatto contrario di quello che hanno fatto Orlando e la sua Giunta, che hanno imposto la ZTL contro il parere di tanti cittadini, commercianti in testa.

La seconda considerazione di Forello non è meno importante della prima:

“Vogliamo ridurre la ZTL – dice Forello -. Il modello attuale è superato, in Europa non si chiudono grosse aree, ma si istituiscono tante piccole aree a traffico limitato integrate tra loro”.

E’ quello che abbiamo sempre sostenuto noi: le ZTL, per definizione, sono piccole aree della città che vengono chiuse al traffico automobilistico e dove per entrare si paga un ‘botto’ di soldi’.

Cosa ben diversa la la ‘presunta’ ZTL istituita a Palermo, che non affronta e non elimina il problema dell’inquinamento, ma ‘monetizza’ il passaggio delle automobili per fare ‘cassa’.

E’ inutile che ci prendiamo in giro: quelle istituite fino ad ora a palermo – prima dalla Giunta di Diego Cammarata e poi dall’attuale Giunta Orlando – non sono ZTL, ma tasse di circolazione surrettizie per provare a risanare i conti di un Comune – quello di Palermo – che resta comunque a rischio default (come vi abbiamo raccontato qui).

 

P.S.

Detto questo, noi, a proposito del Tram di Palermo – del futuro del Tram di Palermo che oggi è economicamente insostenibile – la pensiamo come Ciro Lomonte: i 15 km di Tram vanno momentaneamente riconvertiti in piste ciclabili, in attesa di tempi migliori (come potete leggere qui).

In ogni caso, Ugo Forello comincia a farci simpatia.  

 

19 maggio 2017

Autore

TimeSicilia


Rispondi

Seguici su Twitter
Chi Siamo

Giornale online diretto
da Giulio Ambrosetti

vice direttore
Antonella Sferrazza

timesicilia@gmail.com

Powered by GianBo