Editoriale

Referendum costituzionale: sbagliato confrontarsi con un personaggio come Renzi, privo di credibilità politica

Accettare il confronto sul referendum con Renzi significa avallare la tesi – sbagliata – che un Governo possa promuovere le riforme costituzionali, che invece sono prerogativa del Parlamento e dei partiti. Legittimando un personaggio che assume un impegno e poi non lo rispetta, come ha fatto con il Ponte sullo Stretto di Messina, con l’impegno che sarebbe andato al Governo solo dopo le elezioni e con le tasse che non ha ridotto. In politica è un errore legittimare chi – come Renzi – non ha credibilità politica

La balla sul Ponte sullo Stretto convincerà gl’italiani a votare Sì? Ma che opinione ha di noi Renzi?

Ormai Renzi e i renziani non sanno più cosa inventarsi per convincere gl’italiani a votare le sue pessime riforme-deforme costituzionali. Il capo del Governo e del PD controlla Tv, giornali, radio, Ministeri, Regioni, Comuni, enti economici, società pubbliche e via continuando. Mai nessuno, dal 1948, in Italia, ha avuto tutto il potere che ha lui. Eppure la gente non lo segue. O forse è proprio per questo che non lo segue e che lo ‘impiomberà’ il 4 Dicembre

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com