E’ scattata l’ora X: sono cominciate le bugie sulla manovra 2017 del Governo Renzi

I TG raccontano che ci sarà un aumento di un miliardo della spesa sanitaria. A noi risulta che quest’anno sono ‘spariti’ 2 miliardi di Euro. E ci risulta anche che ci sarà un taglio di 3-3,5 miliardi di Euro. Altro che aumento della spesa sanitaria! Per ora non si parla dei ‘buchi’ del Monte dei Paschi di Siena. Renzi avrebbe voluto altra ‘flessibilità’, cioè la possibilità, per l’Italia, di aumentare l’indebitamento. Ma la Merkel, che rischia il tracollo elettorale, dirà di no. Credeteci: con la legge di Stabilità 2017 ci sarà da ridere…

I TG raccontano che ci sarà un aumento di un miliardo della spesa sanitaria. A noi risulta che quest’anno sono ‘spariti’ 2 miliardi di Euro. E ci risulta anche che ci sarà un taglio di 3-3,5 miliardi di Euro. Altro che aumento della spesa sanitaria! Per ora non si parla dei ‘buchi’ del Monte dei Paschi di Siena. Renzi avrebbe voluto altra ‘flessibilità’, cioè la possibilità, per l’Italia, di aumentare l’indebitamento. Ma la Merkel, che rischia il tracollo elettorale, dirà di no. Credeteci: con la legge di Stabilità 2017 ci sarà da ridere…  

Piano piano il PD renziano è costretto a scoprire le carte sui disastri dell’economia italiana provocati dal suo fallimentare Governo. Si comincia, ovviamente, all’insegna della disinformazione. La manovra economica e finanziaria 2017 è pronta, strombazzano i TG. Si prevede un’oscillazione da 23 a 27 miliardi di Euro. Poi notizie a spizzichi e bocconi.

Non ci sarà il taglio dell’IRPEF. Insomma, le tasse non scenderanno. In realtà, le tasse, con il Governo Renzi, non sono mai state abbassate. Il capo del Governo e del PD, da un anno, sbandiera il taglio dell’IMU sulla prima casa. Dimenticando di aggiungere che ha tagliato i fondi alle ex Province trasformate in grottesche Città Metropolitane tutt’ora senza bilancio di previsione 2016: chissà perché nessuno ne parla più…

Non solo. Ha tagliato i fondi alle Regioni (servizi in meno per i cittadini). E ha tagliato i fondi ai Comuni, che sono stati costretti ad aumentare imposte e tasse locali.

Renzi e il suoi Governo, in materia di conti pubblici, stanno solo prendendo in giro gli italiani.

Prendiamo il caso della sanità. I TG dicono che la disponibilità finanziaria, per la sanità, aumenterà di un miliardo di Euro. A noi, purtroppo, i conti non tornano.

READ  E se fosse la Germania a non essere più interessata a restare nell'euro? Il 'caso' Mattarella

La spesa sanitaria di quest’anno avrebbe dovuto essere pari a 113 miliardi di Euro. Ma, strada facendo, sono spariti 2 miliardi di Euro. Dove sono finiti?

Domanda: la spesa sanitaria del nostro Paese, come hanno detto i TG, aumenterà di un miliardo attestandosi a 114 miliardi di Euro, con la restituzione dei 2 miliardi ‘scomparsi’?

Oppure passerebbe da 111 a 112 miliardi di Euro? Ma in questo caso non sarebbe un aumento di un miliardo di Euro, ma una riduzione di un miliardo di Euro rispetto alla disponibilità originaria di quest’anno che, lo ribadiamo, era pari a 113 miliardi di Euro.

La verità è che Renzi e il ministro dell’Economia, Padoan, giocano con i numeri nella speranza che gli italiani non si accorgano di quello che succederà.

A noi, per esempio, risulta che, il prossimo anno, la spesa sanitaria italiana deve scendere di altri 3,5 miliardi di Euro. Altro che un miliardo di Euro in più!

Quello che non si dice con chiarezza è che, in Germania, la sconfitta elettorale della Merkel e la vittoria di chi è contrario agli imbrogli sulla gestione degli immigrati che va in scena in Italia e che l’Italia scarica sugli altri Paesi europei determinerà un irrigidimento degli stessi tedeschi.

Attenzione: non che l’Unione Europea dell’Euro – controllata dalla Germania e oggi in minore misura dalla Francia – darebbe soldi al nostro Paese. Dovrebbe concedere all’Italia la possibilità di indebitare gli italiani di altri 6-7 miliardi di Euro.

Una follia, la maggiore ‘flessibilità’ chiesta da Renzi: perché ‘sti 6-7 miliardi di Euro di nuovo indebitamento dovrebbero essere restituiti agli strozzini che gestiscono l’Unione Europea dell’Euro di massoni e banditi. Soldi che non verrebbero restituiti da Renzi e dal PD, ma dagli italiani.

READ  Rete e politica/ Attaccano Facebook perché le multinazionali non lo controllano: il 'caso' dei grillini in Italia

Sotto questo profilo, dobbiamo sperare che la Germania non autorizzi questa truffaldina ‘flessbilità’, perché sarebbero altri debiti a carico delle generazioni future del nostro Paese.

Perché quello che nessuno dice è che questa schifezza di Unione Europea dell’Euro – con la truffaldina e antikeynesiana trasformazione del debito pubblico in debito di famiglie e imprese del nostro Paese – sta indebitando le generazioni future italiane. Una vergogna!

La volete sapere qual è la verità, a proposito dei conti pubblici? Eccola: il Monte dei Paschi di Siena – la banca cara al PD – è di nuovo, come si usa dire dalle nostre parti, muru cu musu cu ‘u spitali: in pratica, in grande crisi finanziaria. Renzi sperava di ottenere la ‘flessibilità’ per utilizzarla nel nuovo salvataggio di questa Banca: magari pensava di farsi autorizzare uno ‘sbracamento’ di 5-6 miliardi di Euro per utilizzarne almeno 4 per attuppare i ‘buchi’ del Monte dei Paschi.

Ma la manovra gli resterà nel ‘gargarozzo’. La Merkel sta perdendo le elezioni: e se dovesse consentire all’Italia di ‘sbracarsi’, beh, perderebbe un’altra barca di voti (l’unica nota positiva è che si toglierebbe di mezzo).

E allora? E allora i soldi per salvare il Monte dei Paschi si dovranno trovare senza la possibilità di indebitare ulteriormente l’Italia. Chi pagherà?

La risposta è semplice: come ai tempi dell’IMU di Monti, i soldi non potranno che essere scippati ai cittadini.

Sempre ascoltando i TG abbiamo sentito che il Governo conta di recuperare 4 miliardi di Euro dall’evasione fiscale. Una notizia del genere fa solo sorridere.

L’Italia ha già la pressione fiscale tra le più alte al mondo. Pensare di togliere agl’italiani altri 4 miliardi di Euro è da TSO. A meno che…

READ  PD e Forza Italia: "I grillini non hanno restituito i soldi". E loro cosa fanno?

A meno che questi soldi il Governo Renzi non li chieda ai ricchi, ma non con il “recupero dell’evasione fiscale” – che è solo una battuta comica – ma con un’imposta sui grandi patrimoni.

Ma voi ce lo vedere Renzi che tassa i ricchi? Noi, no. A noi, oggi, il PD di Renzi sembra il partito che difende i ricchi.

Se ne deve dedurre, a rigor di logica, che questi 4 miliardi di Euro potranno essere reperiti:

a) tassando i soliti noti (famiglie e imprese: che è quello che succederà);

b) con un nuovo condono per far rientrare i capitali che tanti italiani hanno depositato all’estero.

Purtroppo, lo scenario del condono è ancora più stupido “del recupero di 4 miliardi di evasione fiscale”.

L’Italia non ha più sovranità monetaria. Sottostiamo al ‘Signoraggio’ e a chi specula contro di noi con la truffa dello spread. L’economia italiana, in queste condizioni, è destinata ad andare indietro. Non ci può essere ripresa se un Paese è nelle mani degli stozzini: e l’Unione Europea dell’Euro, oggi, altro non è che una banda di banditi e strozzini della peggiore specie.

In questo scenario solo un matto porterebbe i soldi che ha all’estero in Italia. Per un motivo semplice: perché dopo un anno, o al massimo 2 anni, il Governo si rimangerebbe gli accordi sul condono e gli prenderebbe i soldi con gli interessi.

Credeteci: con la legge nazionale di Stabilità 2017 ci sarà da ridere.

 

Rispondi

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com